Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Popolazione cilena

La comunità mapuche è uno
degli ultimi vestigi dei popoli
precolombini in Cile
(http://home.hetnet.nl/~tunit)La diversità razziale in Cile e minore agli altri paesi americani. Esistono circa 150.000 indigeni Mapuche, 95% dei quali vivono nella foresta in torno a Temuco, fra i fiumi Bio-Bio e Toltén (500 km a Sud di Santiago).

Un quinto della popolazione cilena è Europea, il resto sono mettici. L'immigrazione è stata molto minore a quella dell'Argentina e Brasile. La maggioranza degli immigranti tedeschi, francesi e italiani immigranti sono venuti fra il 1846 e il 1864 come piccoli farmers presso i boschi di Bio-Bio.

Fra 1880 e 1900 ricercatori d'oro serbi e croati rimassero ben a Sud, mentre i britannici divennero farmers (took up sheep farming)e commercio nella stessa regione. La influenza degli immigranti lungo il Cile è proporzionale al loro numero: la loro impronta sulla terra si vede, ad esempio, nella apparenza tedesca di Valdivia, Puerto Montt, Puerto Varas e Osorio.

Oggi è in corso un intenso processo di urbanizzazione della popolazione. Le città si stano espandendo, in parte perché molti hanno lasciato la campagna e adesso l'83% della popolazione abita nelle città. Trovare abitazione rimane un problema dovuto al incremento della popolazione ma anche se rimangono molte aree depresse la situazione è migliorata negli ultimi anni con il boom economico cileno.

Grazie alle buone condizioni di vita, il Cile è il paese con la speranza di vita più elevata del Sud America[8] arrivando fino ai 77,74 anni nel periodo 2000 - 2005. Nel 2003 il tasso di natalità fu del 15,6 e la mortalità del 5,3, con un tasso di crescita naturale del 10, mentre il tasso di mortalità infantile si è ridotto al 7,8. Queste cifre indicano che la popolazione del paese tenderà verso l'invecchiamento e nel 2020, la maggior parte della popolazione avrà 35 anni, superando il gruppo giovanile, che in questo momento è il più numeroso del paese.