Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Geografia cilena

Deserto di Atacama a nord di CileStato dell'America del Sud, lungo le coste del Pacifico; 756.626 km2; il territorio del Cile si allunga per 4.200 km, dal 17° al 56° di latitudine Sud, mentre la sua larghezza non supera mai i 350 km. Il Cile confina con il Perú e la Bolivia a nord e a NE; con l'Argentina a est (il confine, nelle Ande, è stato difficile da tracciare, dato che la linea spartiacque è spesso a est della linea di cresta); a ovest è bagnato dall'Oceano Pacifico.

Il Cile è un stretto ed allunga frangia di terra che si estende lungo la striscia sudovest dell'America, tra la Cordigliera di Le Ande e l'Oceano Pacifico. Più di 5.800 isole ed isolotti ed una porzione dell'Antartide fanno anche parte del territorio. Di questa lontananza proviene, forse, una delle interpretazioni sul nome del paese: Chilli, nella lingua di uno dei paesi originali, significa dove finisce la terra. Circa quattro mille chilometri separano ad Arica, nell'antistante nord, da Porto Williams, il centro urbano più australe del paese e del mondo: una distanza equivalente a Madrid-Mosca o San Francisco-New York.

Il Cile possiede infine isole e isolotti nel Pacifico (isole Juan Fernández, Sala y Gómez, di Pasqua) e rivendica la propria sovranità su una parte dell'Antartide.

OROGRAFIA. La lunga e stretta forma del Cile permette l'esistenza di paesaggi, climi, fiorisce e fauna molto diversi. La sua geografia è tortuosa e montagnosa. Solo il 20% del territorio è piano. La colonna vertebrale è la Cordigliera dell'Le Ande che raggiunge altezze superiori ai sei mille metri nel nord, sparisce nell'estremo meridionale e risorge nell'Antartide.

Nel Cile, si distinguono tre allineamenti montuosi longitudinali, il cui aspetto varia da nord a sud: a est, la Cordigliera Centrale si presenta come una massiccia catena sovrastante numerose depressioni chiuse e a sua volta dominata da imponenti apparati vulcanici coperti di neve e parzialmente occupati da ghiacciai (Liullaillaco 6.723 m e Aconcagua 6.959 m). A sud di Santiago le altitudini si abbassano e valli glaciali, spesso occupate da laghi, interrompono la catena che rimane essenzialmente vulcanica (Terra del Fuoco). A SE la Cordigliera Patagonica frazionandosi infine nella parte meridionale del paese dove appare una complicata geografia di golfi, canali, estuari ed una moltitudine di arcipelaghi, fra i quali si apre lo Stretto di Magellano.

La seconda sezione longitudinale del Cile corrisponde a una depressione più o meno continua, occupata a nord da aride pampas (pampa del Tamarugal), da salares e dalla valle del Río Loa. A sud di Santiago comincia il Valle Central o Gran Vallata Centrale cilena, che corrisponde ai due bacini del Río Maule e del Río Bio-Bio. A ovest, infine, la Cordigliera Costiera costituisce il terzo e ultimo elemento longitudinale del rilievo cileno. A nord, questa catena litorale si eleva sul mare con fareste generalmente avvolte da nebbia (camachancas). Le massime altitudini raramente superano i 1.500 m.

L'Oceano Pacifico bagna l'estesa ed incidentata costa del paese e lo dota di una ricca varietà di fauna marina. La fredda corrente di Humboldt si lascia sentire quasi lungo tutto il litorale, benché la temperatura delle acque continui a scendere verso il sud. In alcuni punti di fronte alla costa cilena, il Pacifico supera gli otto mille metri di profondità. Poiché è situato in una zona di instabilità geologica il Cile soffre frequenti terremoti e ha una gran attività vulcanica. Nel paese ci sono più di due mille vulcani, 50 di essi circa in attività.

CLIMA. Il Cile, presenta le varietà di clima che caratterizzano i versanti occidentali dei continenti: all'estremo nord il clima è desertico; il Río Loa è l'unico fiume perenne e antichi laghi si sono trasformati in bolsones, cioè in bacini chiusi. Da Coquimbo a Concepción ha clima mediterraneo con piogge invernali (da 305 a 355 mm a Santiago, che riceve l'86% delle piogge in cinque mesi). A mano a mano che si procede verso sud la piovosità aumenta. l'idrografia si arricchisce e la vegetazione si fa sempre più densa. Al di là di Concepción e del Bio-Bio si entra nella zona del clima oceanico e della foresta temperata.