Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Geografia paraguaiana

Lago IpacarayUfficialmente Repubblica del Paraguay, Stato dell'America del Sud, che confina a NO e a nord con la Bolivia, a est con il Brasile, a SE, sud e ovest con l'paraguay; parte del confine orientale e occidentale è segnata dal corso del fiume Paraguay, l'intero confine sudorientale meridionale dal fiume Paraná, la maggior parte del confine occidentale dal corso del Pilcomayo; 406.752 km2.

OROGRAFIA. Il territorio paraguaiano appartiene nella sua totalità al gran bacino formato dai fiumi Paraguay e Paraná. Il Paraguay divide il paese in due regioni naturali ben differenziate: la Regione Occidentale con i suoi terreni salati e i suoi fiumi del corso incerto, che si perdono spesso in paludi e acquitrini, anche chiamato Chaco, e la Regione Orientale. La prima di quelle citata comprende il 60% della superficie del paese, mentre il 40% restante appartiene alla seconda.

Il Chaco si divide in tre zone. Chacco Basso, foresta aperta di palme e acquatrini, il Chacco Centrale, per lo più a boscaglia e nell'estrema fascia nord-occidentale, c'è il Gran Chacco, coperto da un'impenetrabile foresta di piccoli alberi spinosi, dichiarato parco nazionale e protetto.

La regione Orientale presenta diverse qualità di suoli e drenaggi nei suoi due versanti: quella del Paraguay ha grandi difficoltà per essere bonificato ed un terreno abbastanza povero, dedicato nella sua maggioranza all'allevamento e l'agricoltura di tipo misto. Nel versante del Paraná, di rilievo ondulato e suoli rossi (lateriticis-nitrosoli) sviluppati su basalti, la fertilità è molto maggiore, per cui si trasforma nella regione agricola più importante del paese. Nonostante, è molto esposta alla degradazione del suo ecosistema. Questo settore orientale del paese consta a sua volta di quattro sottoregioni:

  1. La prima è quella di Asunción ed area metropolitana e ha caratteristiche strettamente urbane, con sacche di popolazione semiurbana in distretti periferici.
  2. La seconda è la sottoregione Nord. In essa predomina la popolazione rurale e gli sfruttamenti agricoli forestali.
  3. La sottoregione Centro Sud, con tendenza all'espulsione di emigranti verso l'area metropolitana e zone del paese dove esistono programmi di colonizzazione ed espansione della frontiera agricola.
  4. Infine, la sottoregione Est che costituisce un'area di alto potenziale per lo sfruttamento agricolo, dove si sono implementate nelle due ultime decadi programmi di colonizzazione e costruzione di dighe idroelettriche, tra le quali quella di Itaipí.

La Regione Orientale presenta cordigliere che appartengono strutturalmente al massiccio brasiliano, mentre nella parte occidentale si alzano dorsi isolati che non appartengono a nessun sistema. Verso la costa del fiume Paraguay si trovano i dorsi Olimpo, Galván, Sette Teste, e Desolazione, e nell'estremo nordovest, i dorsi Leone, Chovoreca, Ustares e Soledad. All'est del fiume Paraguay appare un sistema principale di cordigliere al quale appartengono le catene montuose di Amambay, Mbaracayú, le più importanti, nella frontiera col Brasile, ma la sua maggiore altezza non supera i 850 m di altitudine (San Rafael), Caaguazu ed Ibytyruzu o Villarrica.

Il sistema idrografico paraguaiano fa parte del bacino del fiume della Plata, uno dei maggiori del mondo. Il Paraguay occupa un vasto settore ad entrambi i lati del fiume che dá nome al paese. Altri due fiumi importanti che convergono nel sud del paese sono: Il Paraná ed il Pilcomayo. Il fiume Paraguay, è la principale arteria fluviale. Nasce nel Matto Grosso, nelle Sette Lagoas, percorrendo circa 1.200 km per territorio paraguaiano. Riceve di fronte ad Assunzione al Pilcomayo che, proveniente dalla Bolivia, discorre attraverso il Gran Chaco.

Il fiume Paraná, con 4.500 km dalle sue fonti in Brasile fino alla sua unione col fiume Paraguay delimita la frontiera naturale tra Paraguay e Brasile ed paraguay in 679 km. è navigabile fino le cascate di Guairá da imbarcazioni piccole. La parola Paraná significa somiglianza al mare.

I laghi più importanti del Paraguay sono: Lago Ipacaray, con un'estensione di 22 km di nord a sud, ed una larghezza da 5 a 6 km, con una profondità mezza di 3 m; Lago Ypoá che significa acqua che dà fortuna, al sud di Asunción, a circa 150 km dal fiume Paraguay. Gli estuari sono zone inondabili che raggiungono un'estensione considerabile, dovuto agli straripamenti dei fiumi. Il più importante è quello che si trova nella regione occidentale chiamato Estuario Patiño che è formato da 1500 km˛ di terra coperta dalle acque del Pilcomayo. Altri estuari nel nord sono: Aguaracati e Piricupú; nel sud, il Picuyry.

Le città più importanti sono: Asunción, capitale e principale centro commerciale e portuale del paese (circa 500.000 abitanti); Città dell'Est (180.989 abitanti), San Lorenzo (133.331 abitanti), Fernando della Mora (116.798 abitanti), Colonnello Oviedo (71.216 abitanti), Encarnación (58.261) e Concepción (35.276 abitanti).

CLIMA E VEGETAZIONE. A un inverno mite e a una dolce primavera segue un'estate torrida, che dura piì di tre mesi, con temperature che superano talora i 40°C. La regione a est del Rio Paraguay è caratterizzata dalla foresta tropicale, la selva, con piante di acajou e di tecoma e un fitto sottobosco di liane, epifite e bambù spinosi. La foresta tropicale cede, nella zona di confluenza del Paraguay-Paraná, al campo, savana punteggiata di palmeti, e alla foresta a galleria lungo i corsi d'acqua. La vegetazione del Chaco è costituita da arbusti spinosi, cactus e quebracho rosso.