Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Storia haitiana

Negli ultimi anni gli interventi statudinensi sono
 diventati sempre più frequentiL'isola fu scoperta da Cristoforo Colombo nel 1492 e colonizzata dagli Spagnoli. Ma nel 1697, pirati francesi sbarcati nella parte occidentale dell'isola costrinsero la Spagna a cedere questo territorio alla Francia. I coloni francesi vi portarono gli schiavi dall'Africa per il lavoro nelle piantagioni di canna di zucchero, e fecero di Saint Domingue, come la chiamavano, una prospera colonia.

Nel 1791 i 500.000 schiavi si ribellarono e nel 1804 dichiararono l'indipendenza costituendo la prima repubblica nera del mondo. Haiti dominò anche Santo Domingo, oggi Repubblica Dominicana, dal 1822 al 1844.

La repubblica di HAITI nacque dalla divisione dell'isola di Haiti in due Stati distinti (1844). Haiti ebbe 22 dittatori tra il 1843 e il 1915, quando fu invasa dagli Stati Uniti dopo l'assassino del presidente V.G. Sam (luglio 1915). L'occupazione americana finì nel 1934.

La "protezione" americana, ratificata da un trattato fermato nel 1916, si prolungò sino al 1934. I disordini del novembre 1949 portarono all'elezione del colonnello Magloire (ottobre 1950 - dicembre 1956) poi sostituito da Francois Duvalier (ottobre 1957). Duvalier instaurò un regime dittatoriale e sanguinoso. Nel 1977, il presidente americano Carter inviò nell'isola il rappresentante degli Stati Uniti all'ONU, A. Young a chiedere il rispetto dei diritti umani.

Quando Papa Doc morì, gli successe, come Presidente a vita, il figlio diciannovenne Jean-Claude, detto Baby Doc, Il suo regime fu meno oppressivo da quello paterno; nel luglio 1985 Duvalier fece approvare una revisione della costituzione in base alla quale nessuno dei partiti che voleva essere ammesso alla vita politica doveva mettere in discussione la presidenza a vita di Duvalier stesso, ma cadde nel gennaio del 1986.

Il 17 gennaio 1988. dopo secoli di occupazioni, regimi e colpi di stato culminati con quasi 30 anni di dittatura ebbero finalmente luogo le elezioni, che tuttavia furono boicottate. Nelle elezioni dei 1990, è stato eletto J. B. Aristide, spodestato da un golpe militare nel 1991. Il generale Raoul Cédras, l'uomo forte dell'isola, ha lasciato il potere nel 1994 su forte pressione degli USA e Aristide ha così potuto riprendere possesso della carica.

Nonostante, agli inizi del 2004 la situazione è di nuovo degenerata in violenti conflitti una volta che Aristide non rappresenta quanto avevo promesso: la democrazia. Gruppo ribelli esigono le sue dimissioni e alla data (febbraio 2004) non si vede ancora dove si andrà a finire.