Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Ospitalità e pericolo

LOCALIZZAZIONE

L'unico paese non centroamericano con coste su due oceani, paese tropicale equatoriale per eccellenza in mezzo al continente americano, con delle foreste tropicali, delle montagne e delle spiagge drammaticamente belle, una varietà di climi come nessun altro paese, delle belle città e la sua affascinante gente, che dovrebbero fare della Colombia una delle più attraenti ed inebrianti destinazioni nel mondo. Purtroppo, l'attuale guerra di guerriglia unita con le continue attività dei cartelli della droga, ha fatto della Colombia - nominata "Locombia" (il paese pazzo) dalla stampa - un paese fuori limiti a tutti i più temerari viaggiatori. Le buone notizie sono di che è ancora possibile godere il vorticoso colorito della Colombia fatta da mito e misticismo. Finché evitate tutti i viaggi fuori porta e rimanete incollati alle città importanti e aree turistiche, Vi mantenete informati e mantenete la fortuna tutto il tempo dalla Vostra parte, otterrete una sicura e sana dose di qualcosa di cui si può dire è la destinazione più sottovalutata del continente (Testo estratto da LONELY PLANET che descrive molto bene il paese).

COME ARRIVARCI

Direttamente dall'Italia o da qualsiasi paese europeo con quasi tutte le aerolinee europee o dagli Stati Uniti con American Airlines o Continental. All'interno del paese, come stanno le cose, sicuramente sarà meglio muoversi in aereo utilizzando l'aerolinea nazionale, Avianca.

MA QUANTO MI COSTA

Sicuramente per la loro attuale situazione, Colombia è un paese a buon prezzo. Circa Euro 2.950 (bassa stagione) fino Euro 3.500/4.500 (andando un pò dappertutto).

  • Euro 950-1200 (alta stagione), trasporto aereo Milano-Bogotá
    Euro 800 (bassa stagione).
  • Euro 400-600, voli interni (Bogotá-San Andrés-Cartagena-Medellín-Cali-Bogotá).
  • Euro 630, mangiare (30 Euro/giorno x 21 giorni);
  • Euro 800, albergo 3-4* doppia occupazione (40 Euro/giorno x 20 giorni);
  • Euro 100, trasporti da/per aeroporti
  • Euro 250, altro

TIPS E SUGGERIMENTI

Leggete accuratamente la nostra pagina Precauzioni e moltiplicate ancora per due le precauzioni. Importante comunque dimostrare che sapete cosa state facendo quando girate. Siete gente temeraria, ma attenzione, non supponente. Inoltre :

  • L'acqua dovrebbe essere buona ma se è imbottigliata ancora meglio.
  • Portate i Vostri medicinali. Ma i medici si trovano e sanno il fatto loro.
  • Non dimenticate il costume da bagno.
  • Rileggete il paragrafo d'introduzione. A meno che siate veramente dei duri mantenevi incollati alle città e aree turistiche più importanti.

DOVE ANDARE

Le seguenti città possono considerarsi discretamente sicure. Non è sicuramente una definizione che chiarisce la situazione ma se non avete nessun contrattempo sarà una esperienza indimenticabile. Ma ci sono altre città e siti di visitare: le città di Bucaramanga, Pasto, Cucutá, Ibagué Pereira, Barranquilla, nonché, ma che date le attuali condizioni del paese purtroppo solo quelli che non hanno niente da perdere potrebbero visitare, la foresta amazzonica e la sua capitale Leticia, la Sierra Nevada de Santa Marta, los Llanos Orientales, la costa Pacifica, la Guajira e il suo deserto, la Sierra Nevada del Cocuy e molti altri.

BOGOTÁ

Bogotá ha una grande varietà di luoghi turistici dove si possono apprezzare il contrasto tra gli edifici dell'epoca coloniale e quella moderna. Possiamo citare:

Il quartiere di La Candelaria con alcuni musei, siti culturali e mostre d'arte.

La Piazza di Bolívar, circondata da edifici del governo che rappresentano diversi stili ed epoche.

Tra le numerose chiese possiamo citare La Catedral Primada de Colombia situata nella Piazza di Bolívar, Santa Clara, San Francisco, San Ignacio, La Tercera San Diego e la cappella di Monserrate.

La lista dei musei è guidata dal famoso Museo dell'Oro dove si apprezza la sofisticata lavorazione dell'oro dalle culture indigene, il Museo di Arte Religioso dove si esibisce "La Lechuga" gioiello con 1.486 smeraldi incastonati in oro. Il Museo Nazionale, il Museo 20 Luglio o Casa del Florero, il Museo d'Arte Moderno, la Casa de la Moneda, la Quinta de Bolívar e altri ancora.

Mappa della Colombia
Clicca sulla mappa per ingrandirla

Panorama centro di Bogotá

Chiesa Piazza Maggiore - Villa de Leyva

Castello di San Felipe - Cartagena

Fiera dei Fiori - Medellin

Chiesa Bautista Mission Hill - San Andrés

Centro Storico - Mompós

Catedrale di Manizales

I concerti si presentano in luoghi come il Teatro Colón, Colsubsidio, la Biblioteca Luis Angel Arango e la sala León de Greiff nella Università Nazionale.

Vari gruppi di teatro della città presentano opere classiche e moderne. Tra i principali ci sono il Teatro Popolare di Bogotá, il Teatro Libero, il Teatro Nazionale, La Castellana e La Candelaria.

Per quelli che piace la "corrida de toros" c'è la Plaza de Toros de Santamaria.

Altri luoghi da visitare sono la Zona Rosa per acquisti, buoni ristoranti e divertimento, il Planetario Distritale, il Giardino Botanico e i grandi centri commerciali come la Hacienda Santa Bárbara; l'Andino, Niza e Unicentro. Vicino a Bogotá possiamo trovare Zipaquirá e la sua famosa Catedrale di Sale, unica nel mondo, e la laguna di Guatavita molto frequentata nelle gite fuori porta.

VILLA DE LEIVA

La Piazza Maggiore: Totalmente selciata e simmetricamente tracciata, con una estensione di 14.000 m, al centro un pozzo stile "mudéjar", in pietra lavorata che fornì acqua potabile alla popolazione per più di quattro secoli.
Casa di Don Juan de Castellanos: Costruita agli inizi del secolo XVII di architettura castellana.
La Arqueria: costruita nel 1.602, costa da dodici colonne in pietra lavorata, con archi a mezzo punto, attualmente con negozi di artigianato e ristoranti.
Chiesa Parrocchiale: Finita la sua costruzione nel 1.608. Notabile la sua architettura castellana, i suoi altari, quadri e pila battesimale.

CASAS CON HISTORIA
La Casa del Cabildo (privata).
Casa del Primo Congresso delle Province Unite. Oggi vengono celebrate le sessioni del Consiglio Municipale. Al pian terreno funziona la Direzione Municipale di Turismo.
Giardini degli eroi.
Casa del Fondatore.

MUSEI
Casa-Museo del Maestro Acuña: Esibisce una collezione di quadri all'olio e acrilici, disegni al carbone, sculture in ferro, murali, tappeti indigeni, antichità, artigianato, decorazioni.
Museo preistorico: Oltre a raccontarci il passo dell'uomo in America possiede un giardino dove appaiono scolpiti in ferrocemento e in grandi dimensioni, differenti animali preistorici.
Casa Museo di Don Antonio Nariño: attualmente in restaurazione.
Museo del Carmen: fu fondato nel 1.971 dai Padri Carmelitani ed esibisce più di un centinaio di opere del secolo XVII al XX.
Casa Museo di Antonio Ricaurte, eroe nazionale.
Museo Paleontologico: Originale costruzione del Mulino della Osada, situata a un km dal paese.

CONVENTI
Convento San Agostino: Fondato dal Padre Vicente de Requexada, cappellano della spedizione del tedesco Nicolás de Federman verso l'anno 1.580.
Convento San Francesco: Convento francescano fondato nel 1.614 e abbandonato dei suoi ospiti nel 1.821. Restaurato nel 1.969,
Mulino della Mesopotamia: Esiste lì una fonte di acqua naturale convertita in piscina ricoperta in pietra, attualmente funziona come albergo.

SAN ANDRES

L'isola di San Andrés, parte dell'arcipelago di San Andrés e Providencia (44 km), è 13 km lunga e 3 km larga e ha un'estensione di 25 km. Temperatura media: 27,4C. San Andrés dista da Bogotá,1.780 km.
Oltre le sue spiagge, sito prediletto per le vacanze dei colombiani, la bellezza dei paesaggi del suo territorio è conformata da numerosi siti naturali tra i quali la baia di San Andrès, il Foro Soffiatore, la grotta di Morgan, Johnny Cay (piccola isola di fronte a San Andrés), l'Acquario e le spiagge di San Luis.

CARTAGENA

LA PUERTA DEL RELOJ Agli inizi del secolo XVIII si ricostruì la porta principale della città, distrutta a fine del secolo anteriore durante una incursione nemica. Per ciò si costruirono tre volte a prova di bombe che sono l'entrata della Città Antica. La torre del "reloj" (orologio) fu aggiunta a fine del secolo scorso.

SAN PEDRO CLAVER Agli inizi del secolo XVII sotto incarico della Compagnia di Gesù si costruì di fronte all'antica piazza del Molo (oggi della Dogana) come il loro convento e scuola. Un secolo più tardi si aggiunse la chiesa, la meglio riuscita della città, che contiene la salma di San Pedro Claver, chi diede il suo attuale nome a questo insieme storico.

MUSEO DEL ORO Bella casa coloniale, di fronte alla vecchia Piazza Maggiore, restaurata con accortezza per compiere la sua funzione di Museo dell'Oro.

LA IGLESIA CATEDRAL Costruita a cavallo tra i secoli XVI e XVII. Si apprezza il suo altare maggiore in legno dorato e un pulpito in marmo di rilievi piuttosto lavorati.

PALAZZO DELLA INQUISIZIONE Edificazione del secolo XVIII, forma parte del insieme coloniale che circonda la Piazza di Bolívar. Conserva il suo disegno originale, quando fu costruita per la Santa Inquisizione Spagnola come ufficio, tribunale, sala da tormenti e prigione. Sede dell'attuale Museo Coloniale.

CASA DEL MARQUES DE VALDEHOYOS La sua bella facciata, l'ampia scalinata, gli ombreggiati corridoi e il suo giardino interiore, i grandi saloni e il suo romantico belvedere mostrano il buon vivere durante l'epoca coloniale.

TEATRO HEREDIA Sulle rovine della chiesa del Convento della Mercede si costruì il secolo scorso questo gioiello architettonico di stile neoclassico a imitazione dei più famosi europei.

CUARTEL DE LAS BOVEDAS Uno degli angoli tipici di Cartagena con l'equilibrata distribuzione dei suoi 47 archi a mezzo punto che proteggono le 24 volte costruite alla fine del secolo XVIII.

CONVENTO DE SAN FRANCISCO Data dalla fine del secolo XVI per l'ordine Franciscana. Era costituito da due chiese e un convento, oggi restaurato e convertito in un invitante centro commerciale per il turismo di categoria.

EL PASTELILLO Questo forte, piccolo e piatto, costruito nel secolo XVIII ha una preziosa vista sulla città: lì funziona il Club di Pesca e il suo famoso ristorante appuntamento obbligato per i visitanti esigenti.

FORTE SAN FELIPE Questa monolitica struttura di pietra e argamasa, piena di trappole, tunnel e sorprese, è considerata l'opera difensiva più importante realizzata dall'ingegneria militare spagnola in America.

CONVENTO DELLA POPA Costruito agli inizi del secolo XVII sulla collina più alta della città come alloggio e monastero. Nella sua cappella si esibisce una immagine nera della Vergine della Candelaria, patrona della città.

ISOLE DEL ROSARIO A cinquanta minuti in barca da Cartagena si trova questo arcipelago di paradisiaca bellezza, acque trasparenti e sabbie bianche, oasi di pace e tranquillità, di delizie gastronomiche native a base di frutti di mare.

BOCACHICA Roccaforte costruita alla fine del secolo XVIII per difendere la città; si trova a solo 30 minuti da Cartagena dopo una gradevole escursione in barca per la baia.

MEDELLIN

Benché Medellín non è proprio una città turistica, potete fare coincidere la Vostra visita con eventi di interesse come la Fiera Colombiatex (Giugno) e Colombia Moda (Settembre) equivalenti a gli eventi sulla moda a Milano o a Parigi, o la fiera della "Antioqueñidad" (Aprile), curiosa fiera regionale, eventi tutti che hanno luogo nel Palazzo delle Esposizioni.

Con ricorrenza annuale (Agosto) si celebra la Fiera dei Fiori che include la famosa "Sfilata dei Silleteros" in cui i contadini coltivatori di fiori esibiscono per le strada di Medellín le più svariate e belle confezioni floreali portandole a peso sulle loro spalle. Sfilate di cavalli da passo e molti altri festeggiamenti si potragono per alcuni giorni.

A Medellín ogni mese, in diversi giorni, si celebrano festeggiamenti per le strade intorno al tango e la musica popolare ("tangovia") e il mercato di San Alejo nel Parco di Bolívar (equivalente al mercato delle pulce) dove si vende artigianato, antichità e tutto quanto c'è di vendibile. Presidia questo parco la Cattedrale Metropolitana imponente edificio di mattone rosso la cui costruzione ancora non finita ebbe inizio 100 anni fa.

Da non mancare il Museo di Antioquia dove tra altre sale si trova la Sala Botero (pittore antioqueño molto ben conosciuto in Italia e non solo) e la pinacoteca; il Museo d'Arte Moderno, Il Palazzo della Cultura. Si cercate musica classica o teatro chiedete del moderno Teatro Metropolitano.

Due buoni pezzi di architettura coloniale: l''eremo della Veracruz accanto al Museo di Antioquia e la Candelaria, l'antica cattedrale, nel Parco di Berrío.

Visitate il Cerro Nutibara dove si apprezza una replica della architettura tradizionale antioqueña, il "pueblito paisa" e visitare una collezione di scultura moderna latinoamericana. Un altro sito interessante, il Giardino Botanico, con una buona mostra di specie native e orchidee oppure il Zoologico Santa Fé se per caso avete con voi i vostri bambini. Una visita a Rionegro e dintorni di Medellín vale pure la pena.

CALI

Plaza de Caicedo. Cuore della vita commerciale e civica della città, è il punto di riferimento per ogni punto della città e passo obbligato delle ragazze più belle di Colombia. Contrastano antichi e moderni edifici che circondando la piazza, facendosi notare la Cattedrale Metropolitana e il Palazzo Nazionale.

L'Eremo: Assieme al tempio di San Francesco, questo bello tempio gotico è uno dei principali centri religiosi della città. Situato nel centro della città sulle rive del fiume Cali.

Statua della María e Paseo Bolívar. Tra i ponti Ortiz e la Avenida Sesta, Cali conforma un settori dei più svariati ambienti. Lì troviamo il Centro Amministrativo Municipale e la sua piazza, il moderno edificio del Consiglio, il monumento a Jorge Isaacs con la riproduzione del romanzo di Efraín e María e la statua del Libertador Simón Bolívar.

Belvedere di Belalcázar: Situato dentro la città sulla parte più alta della Avenida Circonvalazione. uno dei settori di maggiore attrazione turistica dato che lì si trovano il Parco del Acquedotto, la Chiesa di San Antonio, Il Teatro dei Cristalli e l'antico quartiere del Peñon.

Torre Mudéjar e Piazzetta di San Francesco. La Torre Mudéjar forma parte della cappella della Immacolata contigua al tempio di San Francesco reliquia architettonica degli abitanti della città. Di fronte ai due monumenti si estende la nuova piazza di San Francesco o Piazza Civica, integrata al Palazzo Dipartimentale, passo obbligato per le attività commerciali e amministrative.
Lo stile Mudéjar dell'opera si spiega per la presenza come capo degli schiavi di Pedro Umbas nato a Sevilla (Spagna), un schiavo libero di origine araba.

Monte delle Tre Croci. Offre un bel panorama della città si trovano tre grandi croci tutelari molto visitate sia per motivi religiosi sia per motivi turistici. C'è una strada che conduce al monumento ma molti visitanti preferiscono salire la collina a piede.

Statua di Cristo Re. Sulla cordigliera che circonda Cali fu costruita la statua di Cristo Re, le cui imponenti dimensioni permette ammirarla da qualsiasi punto della città. Luogo per divertirsi sana e in allegria nei ristoranti che si affacciano sulla strada di accesso alla cima. Sebbene è una tradizione salire a piede, una pittoresca strada ha convertito questa zona in un luogo notturno di diversione senza nessun problema di trasporto.

Cappella di San San Antonio. Dominando il settore più bello di quello che si conosce come "Cali Vecchio", sulla cima della collina che porta il suo nome si trova la cappella di San Antonio, autentica reliquia coloniale. La cappella fondata nel 1.974 in omaggio al Santo di Padova è preziosa per il suo altare maggiore in stile barocco, per le sue autentiche immagine di quella epoca e per le sue vecchie campane.

Chiesa e Convento La Merced. Lì fu celebrata la prima messa un giorno dopo la fondazione della città. La sua recente restaurazione permette visitare i suoi corridoi, finestre, livelli e altari rimodellati, intravedendosi pure parte della costruzione originale.


Visitate i siti di cui abbiamo estratto parti del presente articolo:

http://www.villadeleyva.gov.co