Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Pérez Prado

PEREZ PRADOMolte persone si chiedono, chi inventò il Mambo? Benny Moré risponde questa domanda in una delle sue canzoni intitolata "Locas por el Mambo" (Pazzi per il Mambo). Che chi inventò quella pazza cosa "Quella cosa l'inventò quel piccoletto con faccia da foca". Il faccia da Foca era come si conosceva Pérez Prado in Messico.

Dopo perfezionare il "son", Arsenio Rodríguez iniziò a lavorare con un'altro ritmo che chiamo "il Mambo". Alcuni dicono che in lingua congolese questa parola vuol dire "gran sacerdote". Arsenio introdusse il ritmo nella provincia dell'Avana nel 1938 prima di viaggiare a New York. Allora, Israel López "Cachao" arrangiatore e basso del gruppo musicale di Antonio Arcaño e le sue Meraviglie, piacque il nuovo ritmo. Oreste López, fratello di "Cachao" fece un arrangiamento a un numero che chiamò Mambo. "Cachao" introdusse il nuovo ritmo nei saloni dell'alta società dell'Avana. Onde vincere qualunque resistenza, i fratelli López aggiunsero un certo tocco di jazz allo stile di Stan Kenton e Dizzi Gillespie. è così che il mambo cambia dal formato di gruppo a quello di orchestra con 4 sassofoni, 4 trombe, pianoforte, basso, maracas, tumbadora, timballi e il resto dei ferri. Come "Cachao" era un basso, fecce risaltare questo strumento, che assieme ai sassofoni alla maniera del jazz nordamericano, forma un ritmo melodico mai ottenuto prima. Il risultato fu una miscela di jazz e rumba ma con un compasso più marcato e più ritmico.

Il nuovo ritmo arriva alle orecchie di Dámaso Pérez Prado, che allora era pianista della Orchestra Casino de la Playa. A lui piacque molto il nuovo ritmo. Dovunque doveva suonare Pérez Prado introduceva il nuovo ritmo. Alla gente piacque molto così tanto lo stile di Pérez Prado che costui decisse di suonare per più tempo la sessione di mambo. Quando Pérez Prado sentì quello che faceva "Cachao" lascia l'Orchestra Casino de la Playa e porta con sé alcuni musicisti, incluso la figura principale "Cascarita", e forma la sua propria orchestra. L'orchestra originale di Pérez Prado era formata da solo musicisti cubani. Pérez Prado aggiunse una quinta tromba e un trombone. Questi sei strumenti suonavano sopra i sassofoni. Il risultato fu un'apoteosi. Ai promotori cubani non piacque quello che fece Pérez Prado con il nuovo ritmo y decisero di boicottarlo. Vita difficile per il povero uomo, nessuno lo contrattava.

Da Cuba Pérez Prado viaggiò in Messico per suonare in un club notturno. Il suo successo fu così grande che finisce facendo un film che si chiamò "Al son del Mambo". Quel film si fece in Cuba e in Messico. Il successo fu così grande che i messicani non lo volevano che lasciasse il paese. In Messico, Benny Moré si unisce all'orchestra di Pérez Prado e fa diverse registrazioni con lui. Pérez Prado decide di rimanere in Messico e da lì fu contrattato per suonare in un ballo a Los Angeles dove vivevano molti messicani. Il suo successo fu così grande che fu contrattato per fare una tournée per tutti gli Stati Uniti. La società RCA lo contrattò come artista esclusivo e il Sha di Iran le diede un libretto d'assegni in bianco per inondare il mondo intero con il Mambo. In un breve periodo di tempo scrisse tanti Mambi che incominciò a numerarli. Mambo numero 1, 2, 3. Tra i più famosi ci furono il Mambo numero 5 e il Mambo numero 8. Pérez Prado fu il primo artista latinoamericano in avere un hit numero 1 nel "Billboard Chart" nordamericano per 26 settimane. Questo numero l'intitolò Cerezo Rosa, che in inglese vuol dire "Cherry Pink e Apple Blosson White" (Ciliego Rosa e Fiore di Melo Bianco).

Dovuto a restrizioni imposte dall'Associazione di Musicisti degli Stati Uniti, quando Pérez Prado fece il contratto con la RCA esigette contrattare i migliori musicisti nordamericani e mantenere la sezione di percussione nelle mani di neri cubani. I seguenti famosi musicisti passarono dall'Orchestra del Re del Mambo (come si conobbe nel mondo Pérez Prado): Benny Moré, Johnny Pacheco, Mongo Santamaría, René Bloch, Patato Valdez, Cándido, Ray Barreto, Maynard Ferguson, Shorty Rogers, Doc Severinsen, ecc. Le seguenti orchestre si unirono al furore del mambo: Machito ei suoi afrocubani, Tito Puente e la sua banda, Tito Rodríguez e la sua banda e molti altri. Pérez Prado fece girare il mambo per tutto il mondo. Il ritmo si sviluppo grazie agli sforzi di diversi musicisti, ma fu perfezionato dal Re del Mambo, Dámaso Pérez Prado.

Pérez Prado nacque l'11 dicembre 1916 nella provincia di Matanzas. Morí in Messico il 13 settembre 1989.

Tradotto dalla biografia del sito members.aol.com/perezprado/el_mambo.htm.