Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Celia Cruz

CELIA CRUZIl mondo della musica salsa è stato dominato dagli uomini. Sono poche le donne che hanno partecipato in questo genere, meno ancora hanno avuto successo. Nonostante, una potente voce ruppe tutte le possibili barriere in questo terreno. Il suo nome Celia, il suo cognome Cruz. Il suo caratteristico urlo "Azúcar" (Zucchero), diede il giro del mondo. Registrò dischi, ricevette innumerabili premi e partecipò in films. È e seguirà essendo ammirata non solo dai suoi fans ma dai suoi compagni professionisti.

La Regina della salsa, come fu conosciuta Celia Cruz nel mondo, nacque nel quartiere Santo Suárez dell'Avana, Cuba, un 21 ottobre. In molte occasioni, la cantante si negò a dire la sua età, ma secondo varie delle sue biografie nacque nel 1924.

I suoi inizi come cantante furono per strada, nel suo quartiere. Il suo primo paio di scarpe le comprò un turista dopo che la bambina gli cantò una canzone. Si dice pure che soleva cantare ai bimbi della zona per farli addormentare dopo pranzo facendo che i vicini si avvicinassero per ascoltare la sua potente voce.

Prima di dedicarsi alla musica, Celia pretendeva essere maestra, professione che i suoi genitori approvavano. Gli atti culturali della scuola e della comunità furono i primi scenari di Celia. Per quell'epoca, una zia la portava ai siti notturni nei quali i ricercatori di talenti cercavano nuove figure per il mondo musicale.

Partecipò in vari programmi di radio e studio nel Conservatorio di Musica di Cuba durante gli anni 1947 e 1950. In quest'anno, Celia è contrattata come la cantante principale dell'orchestra La Sonora Matancera e con essa viaggiò in Messico poco prima che Fidel Castro assumesse il potere nell'isola di Cuba. Dopo si trasferì negli Stati Uniti, cosa molto costosa per la cantante. Il mandatario no la lasciò entrare di nuovo in Cuba.

La sua vita negli Stati Uniti non fu tanto facile dal primo momento. Gli esecutivi dell'industria musicale non erano sicuri che una donna potesse vendere dei dischi, ma i musicisti della Sonora credessero in questa giovane talento, sentimento e swing. Fu grazie al lavoro che realizzarono lei e la orchestra che nacque il ritmo musicale che oggi si conosce come salsa.

Dal 1961, Celia Cruz si radicò negli Stati Uniti quando firmò un contratto per attuare nel Hollywood Palladium. Quest'anno s'innamorò dal primo trombone dell'orchestra, Pedro Knight, che sposò l'anno seguente e dal 1965 lui si dedicò a gestire la carriera di sua moglie. Celia Cruz ci fu con la Sonora Matancera fino il 1965. L'anno dopo raggiunse l'orchestra di Tito Puentes attuando con lui in numerose occasioni e registrando 8 dischi.

Dopo questa stagione con i rei dei timbali, Celia firmò un contratto con la casa discografica "Vaya", sussidiaria di Fania Records; lì incontrò Larry Harlow. Era il 1973 ei latini che vivevano negli Stati Uniti cercavano un'identità che gli rappresentassi. Scoprirono Celia Cruz. Il suo stile, tanto musicale come personale, ipnotizzò e riempì di entusiasmi i fans del ritmo.

Nel 1974 registròun disco con Johnny Pacheco. La musica afroamericana e la charanga predominarono nella produzione, un successo per gli amanti della salsa che incontrarono in Celia Cruz la regina di questo ritmo tropicale. Due produzioni ancora con Pacheco diedero a Celia l'impulso per unirsi alla Fania All-Stars, orchestra con che realizzò dei tournee per Inghilterra, Francia e Latinoamerica, solo per nominare alcuni paesi. Con Fania registrò più di 20 dischi e ricevette più di 100 premi in differenti parti del mondo. Nel 1987 fece una apparizione speciale assieme a Tito Puente durante la consegni dei premi Grammy.

Durante gli 80 e 90, oltre a continuare con la trionfante carriera musicale, la cantante partecipò nei film "Salsa" e "The Mambo Kings", come attrice e la sua voce si sentì nelle bande sonore dei film "Something Wild" e "Invasiòn U.S.A.". Partecipò anche come attrice nella telenovela "Valentina" assieme a Juan Peraza e Verónica Castro.

Celia canto e registrò con altre orchestre. Nel 1982 con la Sonora Matancera. Alcune delle stars con le quali compartì gli studi di registrazione furono: Dionne Warwick, Patti Labelle, David Byrne, Gloria Estefan, Wyclef Jean, Los Fabulosos Cadillacs e Jarabe de Palo.

Fu nominata 15 volte ai premi Grammy, vincendolo per la prima volta nel 1989. Ricevette dottorati onorari da tre università negli Stati Uniti. Ha la sua stella nel Boulevard della Fama a Hollywood. La strada Ocho di Miami porta il suo nome. Nel 1994 ricevette dalle mani del Presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, il premio "National Endowement of the Arts", la riconoscenza più alta che quel paese concede nelle arti. Il 15 ottobre 1997 si dichiarò il giorno di Celia Cruz nella città di San Francisco. Una piccola mostra delle tantissime distinzioni che ricevette questa star mondiale.

Nel 2000 lanciò sul mercato il CD "Siempre Viviré" (Sempre Vivrò), prodotto da Emilo Estefan. In questo disco registrò il suo primo tango e rende omaggio a Tito Puente. Quest'anno, la rivista Billboard le rese tributo per i suoi 50 anni di carriera musicale e vinse un Grammy Latino al migliore album di musica tropicale, cosa che fece di nuovo nel 2002.

Chi scrive su Celia Cruz dice che era incomparabile. Non c'è voce o personalità simile a la sua. La sua voce, unica, il suo "azúcar", le sue vestimenta speciali, le parrucche che usava durante le sue presentazioni, il suo ineffabile buon umore con il pubblico e i mezzi di comunicazione, i suoi aneddoti. Una vita piena di successi, passione musicale e " azúcar".

Nel dicembre 2002, Celia fu ricoverata a New York. Fu sottoposta a una chirurgia al cervello per estirparle un tumore. Il 16 luglio 2003 Cuba e il mondo perdettero una delle voci più insigni della musica tropicale.

Tradotto dalla biografia del sito www.mipunto.com/temas/1er_trimestre03/celia.html.