Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Vinicius de Moraes

VINICIUS de MORAES
foto : Mario Luiz ThompsonVinicius da Cruz de Mello Moraes nasce nel 1913 a Rio de Janeiro. Già nel 1941 si dedica al giornalismo nelle vesti di critico cinematografico. Vinicius è sempre stato innamorato della settima arte, tanto da partecipare alla fondazione della rivista 'Filme' nel 1947 e da mantenere contatti con Orson Welles, Walt Disney e Gregg Toland.

Nel 1943 pubblica Cinco Elegias e nello stesso anno comincia la carriera diplomatica, partendo nel 1946 per Los Angeles in qualità di viceconsole. Giunge in Europa nel 1952 con l'obiettivo di studiare l'organizzazione dei festival di Cannes, Berlino, Locarno e Venezia, puntando alla realizzazione di un festival cinematografico a San Paolo. Nello stesso anno si stabilisce a Parigi, con l'incarico di vicesegretario d'ambasciata.

La sua opera teatrale Orfeu da Conceição (premiata nel 1954 nel corso del IV Centenario della città di San Paolo) è la base ispiratrice di un film che, nel 1959, vince il primo premio nel Festival di Cannes. Ma quello che senza dubbio lo connota maggiormente è la sua carriera poetica e la conseguente fama acquisita grazie al suo legame con la Bossa Nova ed il samba contemporaneo.

L'inizio della sua attività poetica è impregnato di una certa religiosità ed è caratterizzato da lunghi poemi, con accenti di natura biblica, che gradatamente vengono abbandonati in favore di quella che si rivelerà la sua naturale tendenza: la poesia intimista, personale, rivolta verso l'amore fisico, con un linguaggio insieme realista, colloquiale e lirico. Consacratosi all'interno del movimento della Bossa Nova, compone, insieme a Tom Jobim, il brano Garota de Ipanema, che diventa simbolo di un'intera epoca.

Tra le altre collaborazioni musicali di Vinicius si ricordano quelle con Baden Powell (Samba em prelúdio), Carlos Lyra (Minha namorada), Ary Barroso (Rancho das namoradas), Chico Buarque (Valsinha) e quella con il suo 'inseparabile amico' Toquinho - della quale aveva l'abitudine di dire che era la migliore relazione possibile tra di loro e che 'mancava soltanto il sesso!'. Con lui Vinicius compone diverse canzoni, tra le quali Nilzete, A Tonga da Mironga do Kabuletê, Tarde em Itapuã, Samba da Rosa.

La vasca da bagno di casa sua era il luogo in cui amava concedere interviste, stando immerso nell'ozio ed in compagnia di un indispensabile bicchiere di whiskey (che aveva l'abitudine di definire come il miglior amico dell'uomo, una sorta di 'cucciolo imbottigliato'). In questa stessa vasca da bagno, Vinicius muore il 9 luglio 1980.

Musicista di molte collaborazioni ed uomo di molti matrimoni, Vinicius è stato un poeta brasiliano straordinariamente innamorato della vita.

Gentile traduzione dal portoghese di Luca Quadrio.


ONDE ANDA VOCÊ

E por falar em saudade
onde anda você
onde anda seus olhos
que a gente não vê
onde anda esse corpo
que me deixou morto de tanto prazer
e por falar em beleza
onde anda a canção
que se ouvia na noite
nos bares de então
onde a gente ficava
onde a gente se amava em total solidão
Hoje saio na noite vazia
numa boemia sem razão de ser
na rotina dos bares
que apesar dos pesares
me trazem você
E por falar em paixão
em razão de viver
você bem que podia me aparecer
nesses mesmos lugares
nas noites nos bares
onde anda você