Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Gabriela Mistral

GABRIELA MISTRALLucila Godoy Alcayaga - il suo vero nome- è la figura letteraria più grande del Cile. Nacque a Vicuña, Provincia di Coquimbo, il 7 aprile 1889 dove rimase fino ai 12 anni.

Ai 15 anni iniziò a lavorare come maestra rurale alla scuola di La Compagnia, paesino prossimo alla Valle dell'Elqui. Ai 21 anni si trasferì come professoressa d'istituto prima alla cittá di Temuco, e poi Punta Arenas e Santiago, la capitale.

Nel 1925 abbandonò l'insegnamento. In quegli anni era giá famosa nella letteratura ispanica. Il suo primo successo pubblico come poetessa arrivò nel 1912, anno in cui presentò i sonetti premiati ai giochi floreali di Santiago.

Il suo pseudonimo di Gabriela Mistral appare per la prima volta quando firmò i suo tre Sonetti della Morte ispirati dalla tragedia sentimentale di un suo frustrato amore. Da quel momento vengono pubblicati in diversi giornali suoi versi e prose che chiamano fortemente l'attenzione anche oltre le frontiere cilene.

Nonostante, il suo primo libro Desolazione non venne pubblicato in Cile prima del 1922, quando all'estero era giá in circolazione. Quell'anno Gabriela Mistral iniziò a viaggiare. Un primo viaggio in Messico, cui governo la sollecitò per collaborare nella riforma che si proponeva introdurre nell'insegnamento.

Nel 1924 intraprende un lungo viaggio per gli Stati Uniti, attuando come "professoressa visitante" in alcuni centri universitari. Poco dopo, il governo cileno la invia in missioni culturali di cui una la porta nel 1928 nuovamente in Spagna come rappresentante delle donne universitarie cilene al Congresso Universitario dell'Istituto di Cooperazione Intellettuale.

Nel frattempo, furono pubblicati in giornali ispano-americani eccellenti articoli suoi su diversi temi letterari. Durante il suo incessante pellegrinaggio ricevette il premio Nobel di Letteratura corrispondente al 1945 nel 1946. Era la terza volta che questo premio era consegnato ad un scrittore di lingua spagnola.

Gabriela Mistral morì a New York il 10 gennaio 1957. Le manifestazioni ufficiali di condoglianza furono straordinarie, l'Assemblea delle Nazioni Unite sospese la sessione che stava celebrando, il Governo degli Stati Uniti mise a disposizione dell'ambasciata cilena un aereo speciale per trasferire i resti della grande poetessa nel suo paese dove furono ricevuti con i massimi onori.

Tra le principali opere di Gabriele Mistral possiamo citare: Sonetos de la Muerte. 1914; Desolación (Desolazione), 1922; Lecturas para Mujeres (Letture per Donne), 1923, Ternura (Tenerezza), 1924; Nubes Blancas (Nuvole Bianche) e Breve Descrizione di Chile, 1934; Tala, 1938; Antología, 1941; Lagar, 1954; Recados contando a Chile (Messaggi raccontando Cile), 1957; e l'opera postuma Poema de Chile, 1967. Alcuni dei suoi poemi più conosciuti sono: Piececitos de Niño, Balada, Todas Íbamos a ser Reinas (Tutte saremmo state regine), La Oración de la Maestra (La Preghiera della Maestra), El Angel Guardián (L'Angelo Guardiano), Decálogo del Artista e La Flor del Aire (Decalogo dell'Artista e il Fiore dell'Aria).

DAME LA MANO

A Tasso de Silveira

Dame la mano y danzaremos;
dame la mano y me amarás.
Como una sola flor seremos,
como una flor, y nada más...

El mismo verso cantaremos,
al mismo paso bailarás.
Como una espiga ondularemos,
como una espiga, y nada más.

Te llamas Rosa y yo Esperanza;
pero tu nombre olvidarás,
porque seremos una danza
en la colina, y nada más...

Visitate il sito www.gabrielamistral.uchile.cl