Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Dove è andata la riforma

VERSO UNA NUOVA AGENDA PER L'AMERICA LATINA1

Joseph E. Stiglitz - Santiago, Cile - 26 agosto 2002

Vai

L'esperimento della cosiddetta riforma sta fallendo in America Latina. Dopo un breve periodo di crescita nei primi 90 essa è rallentata (vedere fig. 1). Molti dei paesi della regione stanno affrontando recessioni, depressioni e crisi; alcuni di loro ad un livello senza precedenti, memore della Grande Depressione.2 Argentina, lo studente A+ dei primi tre trimestri della decade, non solo ha avuto una crisi, ma almeno in alcuni trimestri, è stata denigrante oltre misura.3 Anche il Brasile, uno studente di prima classe della riforma, affronta una crisi simile.4; Una strategia di riforma che promise di portare prosperità senza precedenti è fallita in un modo senza precedenti. Dissero i suoi critici che era probabile portasse crescita ma erano preoccupati se quella crescita sarebbe condivisa in maniera estesa. Le conseguenze sono state peggiori di quelle che molti dei suoi critici temevano: non ha portato crescita a gran parte della regione ma in alcune paesi della regione ha portato un incremento dell'ineguaglianza e della povertà. (Vedere tabelle 1 e 2).

In questa conferenza, desidero spiegare ed interpretare questi fallimenti e tracciare le basi per una nuova agenda di riforma economica per Latino America. Alcuni anni fa ci fu una conferenza sulla "seconda generazione di riforme". Si presunse che i paesi della regione erano nel processo di digerire la prima generazione di riforme, che queste avevano lasciato i principi per una crescita economica e che era ora di muoversi sul compito di "affinare la sintonia" e indirizzare questioni come la politica competitiva alla quale era stata data poca attenzione durante la prima generazione di riforme. Vorrei dire che la prima generazione di riforme è stata fondamentalmente imperfetta. Che non era completa fu chiaro. Che non diede sufficiente attenzione a questioni di misura e sequenza fu pure chiaro. Ma le sue debolezze erano più basilari: fallì in enfatizzare quello che doveva essere enfatizzato; si basò in un concetto errato di quello che fa lavorare un'economia di mercato e un'appropriata analisi del ruolo del governo.

Il fallimento delle così definite riforme verso una economia di mercato non significa, chiaramente, un ritorno al passato e per quelli impegnati all'obiettivo di una crescita democratica, equa e sostenibile, questo rappresenta una sfida: Quale è l'alternativa? Non c'è, chiaramente, una singola alternativa; ogni paese deve scegliere l'alternativa più adatta alle sue condizioni e alla sua popolazione. Infatti, il tentativo di promuovere una sola agenda, non a misura delle circostanze d'ogni paese, è stata una delle molte critiche, corretta secondo me, sollevate contro il Washington consensus. Ma ci sono delle prospettive basiche, alcuni temi comuni che probabilmente saranno contemplati in molti paesi ed io vorrei tentare d'articolare questi temi comuni.

È un privilegio per me quest'opportunità di presentare la conferenza in memoria di Raul Prebisch, la seconda che faccio.5 Anche Prebisch era molto preoccupato sulle condizioni dell'America Latina, le difficoltà che lui vide affrontare. Era preoccupato, ad esempio, sul declino dei prezzi delle materie prime. Ai problemi che preoccupavano lui noi ora dobbiamo aggiungere molti altri.

1 Conferenza Prebisch svolta davanti alla Commissione Economica per America Latina ed i Caraibi a Santiago di Cile il 26 agosto 2002. Desidero ringraziare José Antonio Ocampo, Dani Rodrik e ai partecipanti ai seminari della CEPAL e l'Università Federale di Rio de Janeiro ai quali fu presentato una prima versione di questo documento. Sono pure molto indebitato con Sergio Godoy per la sua assistenza di ricerca. Mi è grato riconoscere l'appoggio finanziario delle Fondazioni Ford, McArthur e Mott. L'autore è professore di Economia e Finanza all'Università di Columbia e gli fu dato il premio Nobel 2001 in Economia.
2 Per esempio, i seguenti paesi avevano una crescita del PIL negativa nel 2001: Argentina, Uruguay, Messico ed il Paraguai. La peggiore, chiaramente era Argentina, con un ribasso di 3.7% ma Uruguay aveva un ribasso di 3.1%.
3 Alla data che questo documento va in stampa, maggio 2003, anche l'FMI ha iniziato a cambiare il suo approccio. Le atroci predizioni sono finite per essere sbagliate; il paese, mentre affronta una severa depressione, non affronta l'iperinflazione e anche senza aiuto del FMI - persino con la sua costante criticità - sembra essere stabilizzato e il ricupero cominciato.
4 Le buone notizie, mentre questo documento va in stampa (Maggio 2003), sono che le prospettive del Brasile sembrano molto più positive.
5 Vedere Stiglitz [1998].

I. I FALLIMENTI

Le dimensioni del fallimento sono difficili da misurare. I dati per la prima completa decade di riforma ora ci sono. La crescita è stata leggermente più alta della metà di quella che c'è stata nei 50, 60, e 70: per un insieme di riforme che hanno cominciato per criticare le politiche fallite del passato questo non è proprio un conseguimento da vantarsene (tabella 3). I numeri sembrano pure più drammatici quando noi compariamo la performance di America Latina relativa ad altri paesi. La teoria standard neoclassica predice convergenza, ovvero, che i paesi meno industrializzati cresceranno più veloci (per lavoratore) che i paesi industrializzati. Come la tabella 4 illustra, c'era convergenza durante le decadi di pre-riforma, ma dal 1980 è diventata divergenza. La figura 1 mostra che sebbene nella prima parte dei 90, nella quale fu rivendicato un certo successo delle riforme, gli Stati Uniti, pro capite, crebbero più rapidamente che l'America Latina. Chiaramente, uno avrebbe detto, "ma prese tempo per le riforme avere effetto". Ma qui, le notizie sono ben peggiori. Era la prima metà della decade quando la crescita c'è stata, come la figura 1 mostra chiaramente. Nella seconda metà, specialmente dal 1997, c'è stata stagnazione, recessione e depressione. In fatti, il reddito pro capite è stato declinando durante gli ultimi cinque anni i quali la CEPAL ha cominciato a chiamare la metà decade persa.6

I suoi difensori dicono: sì, la crescita nei 50,60 e 70 era forte. Ma non era sostenibile. Sì, era vero che la crescita non era sostenuta. Ma c'erano forze interna che portarono alla fine oppuro uno shock dall'esterno- l'improvviso, inaspettato e senza precedenti aumento dei tassi d'interesse negli Stati Uniti - che fece che il debito dell'America Latino diventasse insostenibile? Che di per sé l'aumento dei tassi d'interesse avesse avuto un tale impatto, come c'è stato in America Latina, fu un fallimento dei mercati internazionali dei capitali e il regime finanziario globale. Mercati dei capitali ben funzionanti avrebbero fatto che i paesi industrializzati assumessero il rischio delle fluttuazioni dei tassi d'interesse. Uno si sarebbe aspettato, in ogni modo, che i sofisticati banchieri dei paesi avanzati industrializzati avrebbero fatto un'analisi di rischio mostrando che se i tassi d'interesse aumentano il debito quasi sicuramente diventa insostenibile e pertanto avrebbero limitato i crediti e di conseguenza l'esposizione dei paesi. Uno avrebbe pensato che la Federal Reserve Board (FED), con tutta la sua sofisticazione, avrebbe tenuto in conto tutte le ramificazioni del suo aumento dei tassi d'interesse a un livello quasi senza precedenti. Ma no, niente di questo accadde: il debito contratto costrinse i paesi poveri a subire il rischio; le banche occidentali non fecero un'appropriata analisi di rischio e non solo perché stavano aspettando un'emergenza. (Infatti, alcuni dei banchieri delle banche occidentali responsabili degli irresponsabili crediti concessi furono promossi non retrocessi: loro avevano dimostrato la loro aggressività nel prestare e per questo furono ricompensati). Il FED era concentrato sull'inflazione; quando i tassi d'interesse aumentarono diedero scarsa retta a quello che avrebbe fatto al sistema finanziario americano (infatti, fece fallire il S & L che aveva il reddito dei beni fisso a lungo termine con obbligazioni a tasso variabile; ci volli quasi una decade per i contribuenti americani ricoprire il peso di multi centinaia di milioni di dollari7) lasciando vedere soltanto quello che fece ai debitori esteri. La sua difesa fu semplicemente: non fa parte del suo mandato preoccuparsi degli impatti sul resto del mondo!

Ma i leader economici dei paesi avanzati industrializzati non vollero prendere la piena responsabilità per questi fallimenti; era più facile, politicamente molto più accettabile, se si concentravano sulle debolezze all'interno dell'America Latina che purtroppo fu una preda facile. C'erano imprese statali inefficienti e corrotte, elevata inflazione e grandi deficit fiscali. Tuttavia, per tutti questi problemi, la crescita nel "regime" di pre-riforma era stata quasi due volte più veloce che sotto il così definito regime di riforma.

Non c'è, chiaramente, nessun modo sicuro di verificare le ipotesi alternative: è stato uno shock dall'estero o un fallimento interno che portò alla decade persa? Infatti, entrambi possono aver avuto un ruolo e non c'è un modo semplice d'incolparle con un'analisi più preciso. Ma nella prossima sezione tenterò di argomentare perché credo che la maggior parte del fallimento centra con lo shock dei tassi d'interessi imposti alla regione dagli Stati Uniti. Latino America, come il resto del mondo, fu colpita dallo shock petrolifero dei 70 e inizio degli 80 che portò giù il continente. La più semplice e persuasiva spiegazione è che il cambio improvviso dei tassi d'interesse portò un improvviso fine alla crescita. Sebbene non ci fosse stata corruzione e le imprese statali fossero state completamente efficienti è probabile che la maggior parte dei paesi avrebbero subito una crisi.

6 Vedere Ocampo [2002].
7 Per un riassunto dell'episodio vedere e.g. Kane [1989].

Nessuno vuole, certamente, tornare al passato. Ma la domanda difficile è, quali sono le lezioni da imparare dei successi del passato così come dei suoi fallimenti. Ma prima di indirizzarci su questi problemi, vorrei descrivere in modo completo la natura dei fallimenti della passata decade. Mentre le politiche del Washington consensus promisero una crescita che mai arrivò, dissero poco su cosa avrebbero fatto le politiche all'instabilità. Sulla povertà fecero affidamento sulle vecchie spicciole teorie: le politiche economiche non furono specificamente progettate per risolvere il problema della povertà; il presupposto fu che i benefici promessi dalla crescita sarebbero, in qualche modo, arrivati prima o poi ai poveri - sebbene c'era poi ampia evidenza che "l'alta marea non necessariamente conduce a che tutte le barche si sollevino"8. Non c'era, direi, una completa divulgazione: come mostreremo nella seguente sezione, le politiche condussero ad entrambe, una maggiore instabilità e povertà e si poteva aspettare che si comportassero così.

Instabilità in aumento: Le esperienze contrastanti tra i paesi sviluppati e meno
Il capitalismo è stato sempre marcato da enormi fluttuazioni. Se vogliamo, queste fluttuazioni sono diventate sempre più marcate all'interno del mondo in sviluppo9. Il contrasto tra ciò che sta accadendo nei paesi in sviluppo e ciò che è accaduto nei paesi sviluppati deve attrarre la nostra attenzione: in questi ultimi, le recessioni sono diventate più corte e le espansioni più lunghe e le flessioni più leggere. Noi ora abbiamo le conoscenze con cui gestire meglio l'economia ed evidentemente in molti dei paesi sviluppati stiamo mettendo quelle conoscenze in uso. Sappiamo come usare le politiche fiscale e monetarie anticicliche per portare l'economia fuori dalla recessione e sappiamo come progettare stabilizzatori automatici per aiutare a tamponare l'economia contro gli inevitabili colpi che affronta. Ma, in qualche modo, i benefici di questa migliorata conoscenza non può essere usufruita dai paesi in sviluppo - sebbene a causa delle loro reti di sicurezza più deboli uno avrebbe pensato che la stabilità fosse stata da sempre di primaria importanza.

America Latina fece di più che contribuire a condividere questo tetro ritratto. La tabella 6 mostra la volatilità, misurata in differenti modi, aumentata con le riforme in America Latina mentre negli Stati Uniti decrebbe. Dei paesi della regione, durante il periodo 1990-2001, venticinque esperimentarono almeno un anno di crescita negativa, diciotto esperimentarono almeno due anni di crescita negativa e 12 esperimentarono più di tre anni di crescita negativa.

Aumentando la povertà e l'ineguaglianza
I critichi della riforma non solo indicano, correttamente, che la crescita non era sostenibile (o almeno non fu sostenuta), ma che espose i paesi a nuove fonti di volatilità. (Vedere sotto la discussione di come le riforme aumentarono l'instabilità.) La volatilità, a volte, spesso è associata con un aumento della povertà - sono i più poveri in una società che di solito subiscono il contraccolpo dell'aumento della disoccupazione; sono i lavoratori non specializzati che sono gettati nella disoccupazione e non hanno dei risparmi sui quali fare affidamento10. Gli effetti di seppur una temporanea flessione possono durare a lungo, come quelli che buttati dal lavoro non possono permettersi di inviare i bambini a scuola. Una volta la loro istruzione è interrotta ci sono elevate probabilità che non ritornino sebbene le cose migliorino. Così, la povertà viene passata da una generazione all'altra.

8 Infatti, i dati per gli Stati Uniti sulle decadi che cominciano nel 1973 mostrano che sebbene sono aumentati i redditi medi, quelli al fondo stanno diventando attualmente peggiori e secondo alcuni studi anche quelli della famiglia media stanno peggiorando. Vedere Council of Economic Advisers (Consiglio di Consulenti Economici) [1997], Capitolo 5.
9 Da alcuni calcoli, cento paesi hanno affrontato crisi nelle passate tre decadi. Vedere Caprio e Klingebel [1999].
10 Agénor [2002] fondi quelle percentuali di crescita di negativo hanno un effetto positivo su povertà tassa per un esemplare di meno paesi industrializzati. Questo è anche vero in paesi industriali e più avanzati. Veda Furman e Stiglitz [1998b].

In somma, alcune delle stesse riforme condussero direttamente ad un aumento della povertà - forzando i contadini poveri a competere con la sussidiata agricoltura americana, abbassando i redditi di alcuni dei più poveri della regione e il regime imposto di stretta monetaria fece difficile creare nuovi posti di lavoro che provvedessero fonti alternativi di lavoro. Inoltre, il lascito di una povera istruzione per gli svantaggiati fece il compito di riassegnare il lavoro più difficile soprattutto quando la liberalizzazione fu fatta rapidamente.

Per la regione nel suo insieme, la parte di quelli in povertà aumento dal 15.3% nel 1987 al 15.6% nel 1998 (vedere tabella 1). Mentre data più recente non è ancora disponibile, quasi certamente, con le crisi colpendo così tanti paesi, la povertà dal 1998 è aumentata significativamente.

Ineguaglianza
Anche in paesi che hanno esperimentato crescita, come il Messico, una sproporzionata parte dei benefici è andata nelle tasche del dieci percento che rappresenta i più privilegiati, con molto dei più poveri, quelli nel 30% più basso, in peggio11. E di nuovo, noi possiamo capire il perché: in parte è la conseguenza del fatto che quelli in basso subiscono il costo delle fluttuazioni economiche le quali sono parte inerente della strategia delle riforme orientate verso il mercato.12 In parte è la conseguenza della struttura complessiva della riforma, con misure che ebbero l'effetto di distruggere posti di lavoro o abbassare i salari dei lavoratori non specializzati, precedendo misure che avrebbero portato alla creazione di posti di lavoro e incrementato la produttività, o ancora peggio, con misure che ebbero l'effetto di distruggere dei posti di lavoro accompagnate con misure che inibirono la creazione di posti di lavoro.

Il risultato delle politiche, dove si era presupposto far funzionare meglio i mercati è che, almeno in alcuni aspetti critici, i mercati funzionarono più poveramente. La disoccupazione aumentò di quasi tre punti percentuali.13 e i numeri sarebbero stati anche peggio se non fosse che il lavoro si trasferì al settore informale, un settor e in cui tipicamente le protezioni del lavoratore sono mancanti e l'accesso al capitale - e pertanto una potenziale crescita futura - è più povero14. La tabella 2 mostra l'incremento dell'ineguaglianza lungo la decade per alcuni dei paesi d'America Latina.

Le multiple dimensioni della povertà: indicatori dello sviluppo umano
I fallimenti nelle ristrette dimensioni della crescita economica sono paragonati ai fallimenti nella più ampia dimensione del benessere umano, il quale include non solo la povertà, ma l'istruzione e la salute. La figura 2 mostra l'opaco ritratto dell'America Latina secondo l'indice di sviluppo umano dell'UNDP. Le riforme non hanno fatto niente per chiudere il varco tra il livello dell'indice di sviluppo umano per la regione e quello de paesi avanzati industrializzati.

Le molte dimensioni della povertà : l'insicurezza Il rapporto decennale della Banca Mondiale (World Bank, 2000) sulla povertà, nell'identificazione delle cause della povertà, indica che non solo abbraccia la mancanza di reddito, ma l'insicurezza e la mancanza di partecipazione, e le così chiamate strategie della riforma hanno esacerbato entrambi i problemi. Mentre l'agenda della riforma non produsse una crescita robusta contribuì invece ad aumentare il senso di insicurezza . Con i poveri subendo i contraccolpi dell'aumentata volatilità economica il senso di insicurezza economica aumentò. Se ciò non fosse abbastanza male, le riforme quasi intenzionalmente lavorarono per intensificare ancora l'insicurezza: Uno degli elementi dell'agenda della riforma è stato nominato "incremento della flessibilità del mercato del lavoro", ovvero, indebolire le protezioni del lavoro, fare più facile licenziare i lavoratori e abbassare i salari: ma notevolmente, come abbiamo fatto notare, anche se tali riforme furono pensate per far funzionare meglio i mercati - ovvero, con minore disoccupazione - la percentuale di disoccupazione aumentò. Durante la decade, una crescente frazione della forza di lavoro passò a lavori nel settore informale - senza nessuna delle protezioni di lavoro previste dal settore formale.

11 vedono e.g. Brodo, Legovini e Lustig [2001].
12 per essere sicuro, alcuno del molto povero--coltivatori di esistenza isolarono dall'economia di mercato--era i minimo colpiti dalle riforme. Se questi sono esclusi dall'analisi, il ritratto delle conseguenze può sembrare anche più tetro.
13 ECLAC [2002A].
14 che le magnitudini del turno stanno spaventando. Secondo ECLAC [2002b], più di 70% dei lavori creati negli anni novanta nella regione erano nel settore informale.

Ci sono, chiaramente, altre dimensioni dell'insicurezza. La sicurezza personale fu colpita per l'aumento del crimine e la violenza in molti paesi (vedere tabella 7), mentre il quadro sulla sicurezza della salute è por molto positivo. Vedere tabella 8.

Le molte dimensioni della povertà: la non partecipazione
Mentre la maggior parte della mia conferenza si concentra su quello che è più ampiamente definito come questioni economiche, vorrei menzionare brevemente la terza dimensione della povertà, la non partecipazione. Uno dei presupposti grandi conseguimenti della riforma latinoamericana era la restaurazione della democrazia. E ciò è stato raggiunto. Ma democrazia significativa implica di più che democrazia elettorale. Democrazia significativa implica partecipazione nelle decisioni di un paese, e fra le decisioni che più preoccupano sono quelle che colpiscono le vite delle persone cioè, le decisioni economiche. Ma sotto le cosi chiamate riforme orientate verso il mercato molte persone del mondo in sviluppo si sentono presse in giro. Loro possono essere capaci di votare, ma per le decisione chiavi non sono considerati. Dopo esserle stata venduta la democrazia, le si ha detto che le decisioni chiavi, quelle coinvolgendo politiche macroeconomiche (e specialmente monetarie), sono così importanti che non possono essere lasciate ai processi politici democratici. Il popolo, li si ha detto, non può essere creduto, visto che probabilmente verrà presso in giro dai leader populisti. Le banche centrali devono essere indipendenti - ed in molti casi non solo sono state indipendenti ma non rappresentative; solamente le prospettive e gli interessi finanziari hanno avuto una voce.

Ancora peggio, loro si dice che devono aprire i loro mercati ai capitali speculativi a corto termine; facendo così, viene ripetuto, diventeranno disciplinati. Nascosta in tali asserzioni c'è proprio una diffidenza verso il processo democratico: evidentemente gli stessi processi elettorali non provvedono la disciplina necessaria per fare buone decisioni economiche. Il fatto che gli speculatori a breve termine hanno prospettive ed interessi segnatamente diversi a quelli della popolazione del paese non è proprio menzionato: i paesi si sono sottoposti a una disciplina che non è solo incostante ma che si focalizza in percorsi molto brevi, una che non vuole curare valori sociali come equità, o traguardi più impegnativi, come l'ambiente.15 In alcuni casi, le voci di quelli a Wall Street sono sentite più chiaramente che le voci di quelli alle favelas o ai quartieri.16

Alcuni risultati brillanti
Ho, forse, dipinto un quadro troppo cupo. Ci sono alcuni risultati brillanti, qualche volta oscurati dalle statistiche globali. In alcuni paesi, ci sono stati miglioramenti nell'educazione: in Brasile, ad esempio, l'iscrizione alla scuola elementare è aumentata dal 80% al 97%. In molti, come abbiamo fatto notare, la salute è migliorata parecchio. In vari paesi, ci sono impressionanti cambi istituzionali, dal controllo alle spese statali alla creazione di banche centrali, dallo stabilimento di mercati dei capitali ben funzionanti all'aumento dell'efficienza e della responsabilità nel settore pubblico e alla decentralizzazione che ha migliorato la risposta del governo alle preoccupazioni dei cittadini.17 Queste riforme istituzionali non hanno, evidentemente, ancora condotto alla promessa crescita - ma forse porteranno ad un miglioramento della crescita in futuro. Nonostante, interessante notare che anche coloro che credevano nelle riforme hanno cominciato a modificare il loro ottimismo: adesso argomentano che l'economia si muoverà fuori dalla recessione, che la crescita sarà ripristinata - ma pochi sono così convinti da esprimere pure la speranza di un ritorno alla classe di robusta crescita che segnò gli anni 50 e 60. Promette di chiudere la differenzia tra America Latina ed i paesi avanzati industrializzati, ma a tale ritmo di essere appena percettibile ed in modo che lascia aperta la questione se difatti c'è molta speranza in un rapido progresso per migliorare la stabilità o ridurre la povertà.

15 C'è anche ragione di credere che, almeno spesso, la comprensione di questi speculatori dell'economia di base spesso è limitata: loro sono più preoccupati con che guidare la dinamica dei prezzi a breve che con guidare la dinamica della crescita a lungo.
16 Le conseguenze del processo democratico sono state particolarmente evidenti in Brasile.
17 Alcune volte, queste riforme sono state in disaccordo con altre. In alcuni paesi, come la Colombia, il decentramento ha fatto che il compito di portare controllo al bilancio dello stato sia più difficile.

II. INTERPRETANDO LE ESPERIENZE

Ci sarà una piccola discussione: la performance della passata decade, in quasi tutte le sue dimensioni, non solo è stata lontana da quanto fu promesso. è stata, per quasi tutti gli standard, lugubre.18 Nonostante, parte del problema nel giudicare le politiche del Washington consensus è quella familiare della controprova. Che sarebbe successo senza le riforme del Washington consensus? Sarebbe state la crescita ancora più lugubre?

Nel cuore della controversia sull'interpretazione della storia dell'America Latina, ci sono tre questioni: Come spieghiamo la decade persa, il vistoso declino dalla crescita robusta; come spieghiamo l'aumento nei primi 90; e come spieghiamo ugualmente il repentino declino dopo un così breve termine? Noi siamo nel mezzo di un bel dramma - porterà di nuovo il prossimo atto una robusta crescita? Porterà il prossimo atto ancora più crisi? Oppure, il prossimo atto sarà ancora di più lo stesso, stagnazione e crescita scivolosa? Nonostante, il problema è che noi probabilmente vedremo il prossimo atto come da copione. La maggior parte dei paesi sono preoccupati per il modo come il dramma sembra muoversi come se il copione fosse riscritto. Non importa che succede, entriamo dunque in un'altro argomento difficile da risolvere: se l'economia ricupera sarà a causa dei cambi o nonostante loro?

Nell'interpretare le esperienze abbiamo bisogno di guardare quello che successe, entrambe, da una prospettiva macroeconomica e da una prospettiva microeconomica. Nella prossima sezione tenterò di mostrare più specificamente come particolari politiche del Washington consensus possono essere casualmente collegate ai fallimenti. Qui, vorrei prendere un approccio grossolano.

Interpretando la decade persa
La crescita degli anni 90, nell'insieme, così debole come è stata, è stata migliore di quella degli anni 80. Ma quella fu una decade nella quale il sovrastante debito schiacciò le economie della regione. Quel periodo di stagnazione finì ma vorrei dire che la fine della decade persa ebbe più a che vedere con la risoluzione del problema dell'incombente debito che con le strategie della riforma, giusto come la stagnazione era cominciata con l'opprimente peso del debito. Guardando gli anni 90, attraverso questa lente, si mette ancora più in evidenza l'itterica veduta della limitata crescita negli anni 90. Per questo, è frequente, quando un'economia supera un periodo di recessione o stagnazione, che ci sia un periodo di perdita d'opportunità nel trarre vantaggio da investimenti che includono miglioramenti tecnologici messi in atto. Quest'interpretazione diviene particolarmente plausibile alla luce dell'osservazione che la crescita più robusta è accaduta nella prima metà della decade. In questa prospettiva noi poi dovremmo guardare insieme gli anni 80 e 90, nei quali caso la crescita sotto le riforme sembra ancora più lugubre - meno della metà di quella che c'è stata durante le decadi pre-riforme e in termini di capitale era appena positiva. (tabella 5).

Per essere equi, c'è un'altra interpretazione, una che considera gli anni ottanta come l'inevitabile conseguenza delle politiche fallimentari delle decadi precedenti caso nel quale la stagnazione di quella decade potrebbe essere attribuita più precisamente al periodo precedente. Ma anche in questo scenario la crescita pre-riforme appare più robusta che sotto le riforme.

Ci sono molte ragioni che mi fanno inclinare fortemente verso la prima interpretazione. Prima, un disturbo macroeconomico della magnitudine dell'aumento dei tassi d'interesse che questi indebitati paesi affrontarono, di per sé, dovrebbe far aspettare la precipitazione di una crisi - anche se le "microeconomiche" stavano funzionando perfettamente - una crisi che a sua volta avrebbe condotto a una precipitosa caduta nella crescita del PIL. In secondo luogo, uno potrebbe argomentare che i prestiti furono causati da un deficit budgetario vista le inefficienti imprese statali; d'altra parte più osservatori sembrano pensare che furono forze macroeconomiche (il riciclaggio dei petro-dollari) le ampiamente responsabili del crescente indebitamente estero. Consideriamo il seguente esperimento: che sarebbe successo se le imprese fossero state pressoché efficienti, ma, osservando gli elevati (aspettati) ritorni alle loro attività d'investimento - elevati almeno rispetto ai tassi d'interesse addebitati - prestiti per finanziare l'investimento, così che la differenza tra i risparmi domestici e l'investimento fosse identica a quella rilevata. I paesi sicuramente sarebbero entrati in crisi quando gli Stati Uniti aumentarono i tassi d'interesse ad un livello senza precedenti. In breve, ci sarebbe stata una crisi, se l'indebitamento estero sorse da bassi risparmi o elevati investimenti, sebbene le imprese fossero state completamente efficienti o meno. In questo senso, l'inefficienza delle imprese statali, di per sé, non poteva essere incolpata.19 C'è un pensiero contrario che sarebbe questo: assumere che gli Stati Uniti non aumentarono i tassi d'interesse. Avrebbe, eventualmente, l'eccessivo indebitamento delle inefficienti imprese statali portato a un collasso del sistema sebbene gli Stati Uniti non aumentavano i tassi d'interesse? Se questo fosse il caso, uno potrebbe affermare che l'aumento dei tassi d'interesse affettò soltanto la collocazione nel tempo della crisi, non il suo avvenimento. Ma se uno crede a quest'interpretazione, uno deve credere che i governi non avrebbero visto "la scritta sul muro". Il problema dei paesi, sarebbe - in quest'interpretazione - stata montata lentamente in modo che il governo sarebbe stato in grado di intentare qualcosa prima che la crisi avvenisse.20

18 I difensori delle "riforme " sono stati rapidi in chiedere la vittoria, subito hanno visto l'aumento della crescita nei primi anni 90. Loro presunsero che le riforme erano la spiegazione e diedero poca attenzione al fatto che tuttavia la performance non era storicamente particolarmente esaltante. Ma ora che le statistiche sembrano più lugubri richiamano che è molto presto per dirlo, ed è un paragone ingiusto, perché gli ultimi anni sono marcati da un rallentamento globale. Per essere sicuri, ed ampiamente dimostrato, uno dovrebbe essere cauto nel giungere a giudizi - come fecero loro reclamando un'iniziale successo delle riforme. Tuttavia, una delle critiche alle riforme e che difatti hanno contribuito ad entrambe, una instabilità economica globale e che hanno esposto i paesi in sviluppo a un maggior rischio (vedere sotto).
19 Per essere sicuri, ci sono scenari nei quali sarebbe stata risparmiata America Latina: in qualche modo, le istituzioni si svilupparono (come loro facero nel l'Est Asiatico) per incoraggiare i risparmi privati, in modo che ci sarebbe stato un limitato bisogno per gli investimenti esteri. Ma questi non sono gli scenari di "controprova" sui quali focalizzare la discussione sulle principali politiche.
20 Ci sono, chiaramente, teorie sui processi politici che affermano che i grandi cambiamenti spesso possono essere provocati soltanto attraverso delle crisi.

Parte della ragione per cui è così difficile interpretare gli anni 80 è che è difficile interpretare gli anni 70. Quella decade vide una relativa forte crescita, in parte sostenuta da enormi flussi di capitale che per alcuni non era sostenibile; ma in qualche modo, dopo che i tassi d'interesse americani spiccarono il volo, non fu sostenuta (la crescita). Ma quella decade vide anche dei massicci shock dai prezzi del petrolio che portarono ad un alt nella crescita più evidente che nel resto del mondo. In questo modo, mentre il fattore di produttività totale dell'America Latina (come convenzionalmente misurato) in quella decade appariva debole21; c'è stata una decade che vide marcati ribassi in tutto il mondo - anche senza corruzione e le inefficienze associate alle imprese statali.22

Interpretando il lento declino degli ultimi anni 90
La crescita dei primi 90 non fu sostenuta. I critici direbbero correttamente che non era sostenibile. La prima parte della decade fu marcata da enorme afflussi di capitali. I paesi stavano, in un certo senso, vivendo oltre le loro possibilità. Questo poteva aver avuto un'insignificante conseguenza se gli afflussi dei capitali fossero andati ad investimenti tipo "greenfield" a lungo termine che aumentassero la capacità produttiva dell'economia, con ritorni più grandi ai tassi d'interesse che i paesi dovevano pagare e se molti dei flussi dei capitali non fossero stati a breve termine.23

21 Non solamente c'è stata convergenza tra America Latina e gli Stati Uniti negli anni settanta, appare che c'è stata convergenza pari in termini di efficienza (fattore di produttività totale). Sebbene tali misurazioni sono notoriamente sensibili ad una serie di problemi di metodologia, uno degli studi più rispettati degli Stati Uniti mostrò un fattore di produttività totale negli anni settanta in declino (con una media percentuale annuale 0.25%) mentre un altro studio mostrò aumenti significativi del fattore di produttività totale (con una media percentuale annuale 0.75%). Per gli Stati Uniti vedere Dougherty e Jorgenson [1997] e per l'America Latina vedere De Gregorio e Lee [1999].
22 Negli Stati Uniti, per esempio, mentre la produttività di lavoro aveva aumentato circa 2.9% durante gli anni 50 e 60, cominciando dal1973, la produttività aumentò con una percentuale di circa 1.1%, molto di quel ribasso associato con un calo nell'andatura del fattore di produttività totale. (Baily, Stiglitz e Tyson [1995])
23 Per una discussione sull'instabilità macro-economica di America Latina da questa prospettiva vedere Ricardo Ffrench-Davis [2003a, b]; per una discussione sull'Argentina, vedere, e.g. Damill e Frenkel [2003].

Infatti, ad un certo punto, l'FMI, dando poca attenzione ai rischi messi dai flussi di capitali a breve termine, sembrò pensare che mentre i prestiti esteri non fossero generati dall'immoralità pubblica fiscale (le spese del governo eccedono le entrate del governo), i deficit di conto corrente sarebbero sostenibili. Sebbene i prestiti erano per finanziare il consumo delle famiglie, i prestatori non avrebbero fatto i prestiti a meno che le famiglie avessero la capacità di rimborsare. I prestiti internazionali servono all'importante funzione di aiutare il consumo senza scosse nel tempo.24 Infatti, nonostante i flussi di capitale siano enormemente volatili - i mercati dei capitali sono soggetti a un eccesso d'irrazionale ottimismo e pessimismo. E tipicamente, per i paesi in sviluppo, grandi deficit del conto corrente, qualunque sia la sua fonte, non è sostenibile; e gli aggiustamenti obbligavano ad eliminarli - grandi cambiamenti alle rate di cambio e/o grandi riduzioni nel reddito (i quali ridurranno le importazioni). In molti paesi dell'America Latina ci sono stati entrambi.25 Quando ci sono stati grandi flussi di capitali a breve, i cambi emozionali possono essere riflessi rapidamente in un rifiuto a rinegoziare i prestiti o a prelevare capitale dal portafoglio. (Con la piena liberalizzazione dei mercati dei capitali, anche se non ci sono flussi di grosse quantità di capitali a breve termine, ci può essere fuga di capitali dagli investitori domestici.)

Ma gli afflussi dei capitali non condussero a fulminei veri investimenti. In alcune contabilità, molto dell'afflusso finanziò un aumento dei consumi.26 Parte del flusso di capitali è stato il risultato di privatizzazioni, la svendita dei beni dei paesi ad stranieri.27

Come la inappropriata contabilità diede un falso senso di successo nei primi giorni
Le convenzioni contabili contribuirono ad un falso senso di successo. I paesi dovevano concentrarsi sul reddito netto nazionale, concentrandosi sul benessere futuro e potenziale dei cittadini del paese, prendendo in considerazione il deprezzamento delle risorse fisiche del paese e lo svuotamento delle loro risorse naturali, la degradazione dell'ambiente, le vendite dei beni del paese all'estero e un aumento del senso di vulnerabilità e di insicurezza economica.

Ci sono svariati passi per andare dal PIL al reddito netto nazionale e concentrandosi sulle differenze tra le due misure possiamo capire meglio perché il PIL provvide un falso senso di successo nei primi giorni della riforma.

C'è, prima, un insieme di distinzioni tra il prodotto domestico lordo e il prodotto domestico netto. Qualunque società riconosce che si deve tenere in conto il deprezzamento del suo capitale. Ma se un paese svende le sue foreste di legno pregiato, potrebbe trattare quanto ricevuto come "reddito" ma la ricchezza del paese è ridotta.28 Strutture contabili corrette avrebbero differenziato tra la vendita di un bene e reddito vero. Il prodotto nazionale o domestico netto, di conseguenza, ha dedotto la perdita del valore della foresta.

24 Per un'articolazione da questo punto di vista, vedere e.g. Al di et di Prasad. [2003].
25 Un recente lavoro in macro-economie, enfatizzando il ruolo del bilancio e delle variabili del flusso di cassa, ha spiegato perché i grandi ribassi nei cambi possono, a breve, essere associati con un indebolimento della macro-economia. Vedere, e.g. Greenwald [1998], Greenwald e Stiglitz [1993], Furman e Stiglitz [1998a].
26 Per esempio, tra il 1990 ed il 1996 ,mentre investimento aumentò da $166.4 miliardi, i risparmi solamente aumentarono da $132.4; se la percentuale di risparmi fosse rimasta costante al livello del 1990 (come percentuale del PIL), I risparmi sarebbero aumentati pressocché lo stesso ammontare che gli investimenti (la differenza sarebbe stata solamente $0.3 miliardi), implicando che l'America Latina non dovrebbe fare debiti in quel periodo. Uno può vedere quasi tutti i $34 miliardi dei flussi di capitale andati secondo l'aumento dei consumi.
27 Questo non migliorò la capacità produttiva dell'economia, eccetto quanto la gestione straniera migliorò l'efficienza con la quale furono usati i beni.
28 Allo stesso tempo, il fallimento di tener in conto il deprezzamento dei beni di capitale pubblici può essere molto fuorviante. Un paese che diminuisce le sue spese per mantenere i beni pubblici può mostrare un deficit più basso ed accorti investitori finanziari penserebbero di conseguenza che le prospettive future dell'economia sono più forti; ma le perdite dal deterioramento dell'infrastruttura pubblica possono più che compensare--non riconosciuto nelle strutture contabili-- i benefici apparenti della riduzione del deficit.

Allo stesso tempo, i prodotti domestico lordo e netto si focalizzano sui beni che sono prodotti nel paese, non nel benessere dei cittadini del paese. è una misura abituale del livello dell'attività economica all'interno di un paese ma non è una buona misura del livello di benessere della popolazione all'interno del paese. Quello che importa ai cittadini di un paese e il reddito nazionale netto. Se un paese sta vendendo all'estero i suoi beni e sta godendo di una baldoria consumistica il risultato è che i suoi cittadini stanno diventando più poveri. Le prospettive future sono peggiorate. Quindi, nelle privatizzazioni, la vendita delle imprese statali a stranieri deve essere trattata come una diminuzione della ricchezza dei cittadini ed essere sottratta dal reddito nazionale netto; se l'afflusso di fondi generati dalla privatizzazioni vanno a creare nuovi investimenti "greenfield", la perdita da una parte e compensata dal guadagno dall'altra; ma se questo non accade - ed almeno fino un certo limite non venne fatto - il paese è più povero. Perciò, una contabilità corretta dovrebbe aver mostrato un quadro meno roseo nella prima parte della decade.

Oltre le privatizzazioni a stranieri, molti dei capitali afflussi erano a breve termine, la classe di soldi che vanno e vengono in una notte - non la classe di soldi con il quale uno potrebbe costruire fabbriche e creare posti di lavoro. Una corretta contabilità dovrebbe tener in conto queste obbligazioni compensate dagli investimenti che potrebbero miracolosamente aver generato. Di nuovo, con un aumento delle obbligazioni non appaiate con un corrispondente aumento di beni produttivi, il paese è più povero. Una corretta contabilità avrebbe mostrato questo.

È chiaro che se anche l'influsso di capitali a breve termine non contribuisce ad un incremento della ricchezza, ha un breve effetto positivo sulla domanda aggregata (la quale, dipendendo dalle circostanze del paese, può essere stata smorzata dalla stretta delle politiche monetarie e fiscali.) Fino il punto che c'erano risorse sotto utilizzate l'incremento nella domanda aggregata alimentò la crescita. Con le uscite crescendo più velocemente che le entrate, appariva come se "le riforme" avessero permesso perdere una nuova era d'aumento della produttività; ma per un lungo periodo, l'incremento della produttività osservata era semplicemente l'incremento della produttività normale che si osserva quando una economia si ricupera da una recessione - e Latino America nei primi 90 si stava ricuperando da una decade con un lungo rallentamento.

Una corretta contabilità sarebbe andata ancora più lontano. Avrebbe notato che il capitale a breve termine è altamente volatile; quando, viste le vicissitudini del mercato, si decide di prelevare o esigere un tasso d'interesse elevato il paese può piombare in una crisi ed essere forzato ad indebitarsi dal FMI oppure tagliare spese future in modo di abbassare il futuro reddito. Un buon sistema contabile avrebbe costretto ad accantonare delle riserve - una sottrazione dalla misura del reddito nazionale netto - per ricoprire aspettati futuri costi. Se una società assicuratrice intraprende un'azione rischiosa - come vendere assicurazioni - deve accantonare dei soldi, una riserva, per ricoprire l'aspettato costo da quell'azione.29

I capitali a breve termine presentarono un altro problema: il tasso d'interesse pattuito era variabile. I tassi d'interesse che i prestatori potevano esigere poteva aumentare drammaticamente - anche se i paesi non avevano fatto niente di sbagliato. Questo, come ho argomentato, fu la primaria ragione per la crisi negli anni 80: la FED aveva aumentato enormemente in modo improvviso i tassi d'interesse americani. Quello che era stato un livello di debito sostenibile improvvisamente diventò insostenibile. Nei tardi 90, furono entrambi, un incremento nella percezione del mercato concernente il debito del mercato emergente (indotto in parte dalla crisi finanziaria globale) ed un incremento nel mercato dell'"avversione al rischio". Di conseguenza, il premio sul rischio che gli investitori esigevano aumentò enormemente, più che compensare leggermente i più bassi interessi americani ed europei. Di nuovo, livelli di debito che potevano essere sostenibili diventarono improvvisamente insostenibili.30

29 Ironicamente, l'FMI pensò che le riforme che aveva spinto in America Latina avevano ridotto la sua vulnerabilità alle crisi, ed in quel senso, il vero fare bene dei paesi era anche migliore che i numeri del PIL suggerivano. Nella loro analisi, la fonte primaria della vulnerabilità fu una politica monetaria debole che conduceva all'inflazione e l'immoralità fiscale. In queste dimensioni, la performance della maggior parte dei paesi era vastamente superiore a quella che prima era stata. Ma la liberalizzazione dei mercati dei capitali aveva introdotto una ancora più importante fonte di vulnerabilità. Per una discussione delle fonti di vulnerabilità, vedere Furman e Stiglitz [1998a] ed Easterly [2001] e le referenze citate lì.
30 Damill e Frenkel [2003] stiano che la maggior parte dell'aumento nel debito dell'Argentina nel periodo prima della crisi finale del 2001 può essere attribuito agli aumenti dei tassi d'interesse.

Così, la struttura contabile - centrata sul PIL - fallì a provvedere un accurato quadro di quanto stava succedendo. Mentre i numeri citati, prodotto domestico lordo, suggeriva che la performance economica dell'America Latina nei primi 90 era veramente impressionante, una migliore struttura contabile avrebbe mostrato uno scenario molto più lugubre.

Se soltanto la crisi finanziaria globale non fosse accaduta
I difensori delle riforme dicono, se soltanto la crisi finanziaria globale non fosse accaduta la crescita sarebbe stata sostenuta. Ma questo manca il punto, in due aspetti. Per un largo periodo, la crisi finanziaria globale fu se stessa un prodotto del movimento globale di riforma, inclusa la liberalizzazione dei mercati dei capitali. Che cambiò nell'Est Asiatico, la regione del mondo che aveva avuto per tre decadi, non soltanto una rapida crescita ma anche la maggiore stabilità, con due dei paesi in crisi e soltanto un anno di rallentamento, due avendo avuto ne anche un anno di rallentamento, ma la migliore performance su tutti i paesi OECD? Il singolo fattore, direi, non fu la crescita della corruzione e la mancanza di trasparenza, come l'FMI potrebbe pensare. Al contrario, in almeno alcuni dei paesi colpiti la corruzioni stava diminuendo e la trasparenza era in aumento.31 Piuttosto, il problema fu la prematura ed eccessivamente rapida liberalizzazione dei mercati finanziari e dei capitali, il fallimento di mettere in vigore una adeguata struttura regolatrice.32 Invece di chiedere, qual'era la corretta struttura regolatrice, ci fu l'unico pensiero di concentrarsi sulla "deregulation", con conseguenze disastrose.

Le riforme in America Latina sono state per un buon periodo risolvendo alcuni dei problemi del passato. I deficit nei bilanci erano stati addomesticati, se non eliminati, e straordinari progressi erano stati fatti per abbattere l'inflazione. I fautori della riforma guardarono i primi anni 90 per confermare la saggezza di queste riforme. In retrospezione vediamo quanto ingannevoli erano queste conclusioni. Alcune di quest'apparente successo fu l'espansione della domanda aggregata procurata dal fatto che il sovrastante debito era stato finalmente controllato, dall'aumento dell'influsso di capitali e da un aumento delle esportazioni, il risultato di una forte economia americana - che vennero ad essere chiamati i ruggenti anni 90. Quest'aumento della domanda aggregata mise in uso risorse a lungo rimaste inattive. È stata di più un'espansione da parte della domanda aggregata che una crescita da parte delle forniture, cosa che i riformatori enfatizzarono. Ci sono alcuni importanti elementi collaterali ma questi furono pure marcatamente differenti a quelli stressati dai fautori della riforma: Qualcuno di quest'apparente successo fu la naturale conseguenza di venire dalla decade persa degli 80. Qualcuno, fu il risultato del non sostenuto, se non insostenibile, sopravvento di capitali dall'estero.

Furono in alcuni di questi veri "successi" che i semi dei guai della seconda parte dei 90 e i primi anni del nuovo millennio maturarono.33 Le riforme avevano esposto i paesi dell'America Latina a nuove fonti di rischio. Le strutture contabili non solo erano fallite in considerare questi rischi, avevano, in molti altri modi, provvisto esagerate misure di successo.


31 vedere e.g. Furman e Stiglitz [1998a].
32 vedere e.g. Rodrik e Velasco [1999]. I più recenti studi del FMI hanno confermato che in molti paesi la liberalizzazione del mercato dei capitali à associata a una maggior volatilità, ma non necessariamente più crescita. Vedere, e.g. Prasad et al [2003].
33 in Stiglitz [2003], io suggerisco che i downturn economici che cominciano negli Stati Uniti a marzo 2001 anche possono essere spiegati grandemente come una conseguenza di fallimenti di polizza del `90s.

III. SPIEGANDO I FALLIMENTI

In questa sezione, vorrei dare un sguardo più da vicino ai fallimenti. Nella sezione precedente, discussi che eventi macroeconomici, originati fuori dalla regione, avevano molto da fare con la loro volatilità, in particolare, gli elevati tassi d'interesse nei primi anni 80 ed il cambio emozionale dei capitali a breve termini negli anni 90.

Qui vorrei mostrare come le riforme del Washington consensus, nonostante le buone intenzioni che esse potevano avere, fecero i paesi della regione più vulnerabili ai contraccolpi esterni e contribuirono in altri modi a i fallimenti degli anni recenti. Mi concentrerò su tre fallimenti critici della riforma:

  • Le riforme, incluse le varie forme di liberalizzazione, aumentarono l'esposizione dei paesi senza incrementare la loro capacità per affrontare questi rischi.

  • Le riforme macroeconomiche erano squilibrate, davano molto peso alla lotta contro l'inflazione e non abbastanza peso alla lotta contro la disoccupazione e la promozione della crescita.

  • Le riforme spinsero le privatizzazioni e fortificarono il settore privato e diedero molto poco peso a migliorare il settore pubblico; ebbero un equilibrio sbagliato tra lo stato ed il mercato.

Aumento dell'esposizione al rischio
Le riforme del Washington consensus - liberalizzazione degli scambi commerciali, dei mercati dei capitali e del settore finanziario - esposero, tutte, i paesi ad aumentare i rischi. L'esperienza cilena con la "deregulation" del settore finanziario - così come la propria esperienza degli Stati Uniti nei primi anni 80, doveva aver provvisto un ampio avvertimento sui rischi.34 Pero, quasi apparentemente immemore di questi rischi, l'agenda della liberalizzazione fu spinta avanti.

Quando sono stato nella Casa Bianca nel 1995 guardai da vicino come il valore del dollaro cadde rispetto allo yen da circa 106 ad 80. Questo 25% di ribasso non significò un repentino peggioramento delle prospettive economiche degli Stati Uniti, o un repentino miglioramento di quelle in Giappone, così come nel momento del susseguente ed ugualmente marcato aumento da 80 a sopra i 130 yen per dollaro non rifletté un corrispondente cambio nelle prospettive economiche dei due paesi. Così come uno dei più ardenti fautori del capitalismo americano, Alan Greenspan, disse, i mercati mostrano un'eccessiva ed irrazionale esuberanza, poteva aver detto, i mercati mostrano ogni tanto un irrazionale ed eccessivo pessimismo. Economie forti come quella degli Stati Uniti possono resistere queste vicissitudini ma tale volatilità mette enorme tensione su economie piccole, aperte e povere. Tuttavia, la così chiamata riforma ha esposto questi paesi a queste vicissitudini dei mercati in un modo senza precedenti, entrambi, attraverso gli scambi commerciali e i flussi dei capitali - prima che loro avessero fortificato le loro reti di sicurezza.

Liberalizzazione dei mercati dei capitali
E' stata la liberalizzazione dei mercati dei capitali che finì per avere gli effetti più avversi.36 Semplici modelli dell'economia mostrano che i paesi in sviluppo erano per poco come i paese sviluppati, eccetto che avevano meno risorse ed in particolare meno capitali. Questa prospettiva sullo sviluppo condusse i paesi alla visione che se solamente potessero aver più capitali loro crescerebbero più rapidamente. Se loro non potevano generare risparmi a casa (nel modo che i paesi del Est Asiatico furono capaci di farlo con successo - con il forte intervento del governo) allora loro dovevano rivolgersi agli stranieri. L'argomento era semplice: tanto come i ritorni eccedevano i tassi di interesse da pagare, allora l'investimento era buono per l'economia: il prestito poteva essere rapidamente pagato, con i profitti rimasti arricchendo il paese. E non c'era molta differenza se quel capitale era a breve o lungo termine.

34 c'è, ora, una grande letteratura che analizza i rischi della deregulation del settore finanziario ed il disegno di appropriati regimi regolatori. Vedere, per esempio, Honohan e Stiglitz [2001], Stiglitz,[2001a], Helmann, Murdoch, e Stiglitz [2000].
35 Era chiaramente giusto il suo punto di vista, facendo notare un'importante linea di ricerca da economisti come Robert Shiller [2000] il cui lavoro provvede una confutazione convincente all'ipotesi dei mercati efficienti.
36 I rischi associati con la liberalizzazione dei mercati di capitale sono descritti più completamente in Stiglitz [2000a, 2002a].

La scarsità di capitali volle dire che il loro ritorno dovrebbe essere più alto nei paesi sviluppati che nei paesi in sviluppo e che liberalizzando i mercati dei capitali ci sarebbe stato un costante flusso dai paesi più sviluppati ai paesi meno sviluppati. Entrambi se ne beneficerebbero: coloro nei paesi sviluppati con un ritorno più alto del capitale e coloro nei paesi in sviluppo con un aumento dell'influsso dei capitali, che condurrebbe a maggiori salari e produttività. I fautori della liberalizzazione del mercato dei capitali arguirono addirittura che condurrebbero a una maggiore stabilità; in periodi di rallentamento i paesi in sviluppo potevano prestare dall'estero per fortificare le loro economie.

Questi argomenti dai fautori della liberalizzazione dei mercati dei capitali facevano affidamento alla leggera teoria sottolineata - la quale virtualmente ignora la crescente letteratura enfatizzando le conseguenze della imperfezioni dell'informazione - e il grado col quale loro erano fuori strada con le realtà dei mercati dei capitali. Flussi di capitale a breve termini sono estremamente volatili - piuttosto che cavalcare la volatilità economica come il loro fautori richiamavano, erano stati una fonte della volatilità e addirittura quando non la fonte del problema, avevano intensificato la magnitudine delle fluttuazioni. Questi flussi di capitali sono, in particolare, altamente pro ciclici. I capitali entrano in un paese quando le cose stanno andando bene ed escono quando le cose vanno male. I banchieri sono amanti del buon clima. Loro sono disposti a prestare quando i paesi non hanno bisogno di soldi. E i paesi scioccamente sono stati adescati per prendere in prestito. Ma quando le cose diventano difficili le banche esigono i loro soldi indietro.

America Latina aveva, chiaramente, visto tutto questo, con una vendetta due decadi prima, quando era andata in recessione, i prestatori non solo rifiutarono estendere il credito ma chiesero i loro soldi in dietro. E mentre gli enti multilaterali di credito si suppongono aiutano i paesi in difficoltà, molto spesso esacerbarono semplicemente i problemi. Tipicamente in questi tempi di crisi, quando i paesi sono disperatamente necessitati, il principale problema è quanti soldi possono inviare indietro agli Stati Uniti o ad altri paesi avanzati industrializzati. Il flusso netto è fuori del paese non dentro il paese. Le discussioni tra l'FMI e l'Argentina non furono su come estendere un credito addizionale ma quanto del debito argentino poteva essere rimborsato l'anno seguente.

La volatilità e la pro ciclabilità di questi fondi hanno avuto ulteriori conseguenze. Chi prende in prestito no tiene in conto completamente i fattori esterni, specialmente quelli associati con tale prestito quando le cose vanno male, come capitò nell'Est Asiatico ed altrove. Era solo chi prendeva in prestito chi assumeva i costi, specialmente sotto le risposte alle crisi progettate dal FMI. Gli elevati tassi d'interesse costringono addirittura a fallire chi prende un moderato prestito; la contrazione fiscale e monetaria costringe milioni di lavoratori alla disoccupazione. Per essere sicuri, indirettamente, l'FMI riconosce la presenza di un fallimento del mercato - parla di contagio. Ma ammirevolmente, non ha proceduto come gli economisti fanno normalmente quando identificavano i fattori esterni. Noi normalmente chiediamo, c'è un intervento sul mercato che possa correggere i fattori esterni, e.g. una tassa sull'attività generatrice esterna. Se i prestami a breve termine generano un rischio allora i prestami a breve termini devono essere tassati. Uno non tratta semplicemente con malattie contagiose costruendo migliori ospedali per coloro che hanno avuto la sfortuna di contrarre la malattia; una guarda come la malattia è diffusa, sovvenziona dei vaccini, impone anche regolamentazioni forzando le vaccinazioni e proibendo certo tipi di attività rischiose. Tuttavia l'FMI, sulle politiche che furono adottate estesamente dentro l'America Latina, promosse attivamente la liberalizzazione dei mercati dei capitali ed apparentamene incoraggiò le molte forze che stavano soffiando fuoco sul problema.

La volontà di prendere un prestito con un finanziamento a breve termine fu particolarmente fuorviata. Uno non può costruire fabbriche con soldi che possono andare via dal paese durante la notte. La prudenza, oggi, richiede che i paesi mantengano riserve uguali ai loro debiti in valuta a breve termine. Questo vuol dire che se un paese chiede in prestito US$ 100 milioni deve accantonare la medesima quantità in riserve - US$ 100 milioni di soldi pubblici che potrebbero essere stati usati per costruire scuole o strade pubbliche. Ottiene un ritorno sulle riserve, ma il paese nel suo insieme peggiora, poiché per le riserve accantonate tipicamente in dollari riceve un guadagno diciamo oggi minore al 2% mentre deve pagare alla banca Americana 18% o di più. Il costo netto al paese e di US$ 16 milioni, un netto trasferimento da un paese povero in sviluppo agli Stati Uniti. Può essere molto buono per la crescita degli Stati Uniti ma è difficile vedere come è buono per la crescita dei paesi poveri in sviluppo. La storia che vi ho appena raccontato mostra che i costi totali del prestito no sono assunti da chi fa il prestito - c'è, un'altra volta, un fallimento di mercato.

Chiaramente, quando il capitale sta fluendo in un paese è facile vedere i benefici: essi erano evidenti in America Latina agli inizi dei 90. Ma i guadagni che chiaramente i paesi trovano non compensano le perdite che esperimentano nell'evento di una crisi, crisi che accadono con tale frequenza e regolarità e cui pedaggio è stato particolarmente alto in America Latina. E le spese di fallimento, col tempo, sono divenute più grandi, non solo a causa del maggior numero di creditori, facendo una decisione risolutiva più difficile, ma anche perché la miscela di creditori nazionali e stranieri, incluse le istituzioni finanziarie nazionali e la miscela di debiti in dollari e in valuta locale, non solo solleva problemi difficile da risolvere in maniera equa ma anche vuole dire che le crisi colpiscono avversamente la vitalità delle istituzioni finanziarie nazionali, minando ulteriormente l'economia.

Macro stabilità
Le economie della regione hanno esperimentato enormemente la macroinstabilità. Come fatto notare, l'FMI ed i neoliberali avevano una particolare interpretazione di quelli eventi, uno dei quali vedeva lo sperpero del governo e l'intervento sui mercati e la politica monetaria lasciata a se stessa come la causa primaria dei disturbi macroeconomici. Tale interpretazione dell'instabilità macroeconomica ignorò duecento anni di storia del capitalismo: ben prima che il governo assumesse il ruolo che ha oggi, le economie di mercato sono state afflitte da volatilità, da espansioni e arresti. Almeno nei paesi più avanzati industrializzati le statistiche sono chiare: l'intervento del governo ha aiutato a stabilizzare l'economia. Più recentemente, la crisi Est Asiatica mostrò che potevano esserci altre fonti di disturbo. Prima delle crisi, questi paesi avevano una bassa inflazione ed eccedenze di bilancio; se c'era una falla del governo era che non avevano regolato abbastanza il settore finanziario, che avevano fatto troppo poco per addomesticare i fulminei flussi di capitali che la liberalizzazione dei mercati dei capitali aveva sguinzagliato e fatto troppo poco per limitare lo scopo della speculazione destabilizzante.

C'è, in questo, una somiglianza straordinaria tra le crisi in America Latina e quella nell'Est Asiatico: la macroinstabilità fu procurata principalmente da problemi associati con i crediti stranieri e la liberalizzazione dei mercati dei capitali. I paesi latinoamericani ancora una volta furono costretti a subire l'urto degli aumenti dei tassi d'interesse che erano stati iniziati da forze ovunque nel mondo ed affrontare le conseguenze dell'instabilità dei flussi di capitale.

Mentre le riforme (incluse la riforme degli scambi commerciali, da discutere sotto) quindi si confrontarono con nuove fonti di enormi rischi affettarono pure il modo come l'economia rispose a questi colpi. Le riforme hanno sostituito stabilizzatori automatici con stabilizzatori non automatici. Per America Latina, nell'insieme, la politica fiscale piuttosto che essere contro ciclica è stata pro ciclica. Non è perché gli economisti in America Latina non sono riusciti a leggere i manuali macro-economici degli ultimi settanta anni che l'importanza della politica fiscale contro ciclica è stata sotto pressione. Piuttosto è, parzialmente, perché l'FMI, nel quale molti de paesi latinoamericani sono diventati dipendenti per assistenza e soldi, ha incoraggiato, e in molti casi insistito, queste politiche pro cicliche. Con un mercato domestico di capitali piccolo, con i forti ricordi di una rampante inflazione nel passato, con l'FMI insistendo in tagli sul bilancio, con le istituzioni multilaterali e specialmente l'FMI prendendo spesso parte in prestiti prociclici, i paesi non hanno avuto apparentemente nessun'alternativa ma prendere parte in una politica fiscale prociclica. Ma, come dirò più tardi, c'è una alternativa.

Mentre gli stabilizzatori fiscali automatici associati con una politica fiscali sono stati sostituiti da un non stabilizzatore automatico, la politica monetaria diventò pure una fonte d'instabilità e questo probabilmente peggiorerà in futuro. I paesi sono stati incoraggiati a fidarsi ancora di più ai requisiti di adeguatezza del capitale e mostrarsi indulgenti, cosa contestata, posticipa soltanto la resa dei conti facendo le cose peggiorare quando i problemi vengono finalmente a galla. Ma nell'Est Asiatico abbiamo visto drammaticamente le conseguenze di questa politica attendista: man mano che una economica va al ribasso i bilanci delle banche peggiorano sono costrette come risultato a indebitarsi rapidamente. (La tipica alternativa, una fresca iniezione di capitale, non é possibile nel mezzo di un ribasso economico.37) Man mano che contraggono un prestito, più società sono forzate a fallire o almeno contrarre gli investimenti e la produzione e così esacerbare il ribasso. In molti casi, alla fine, i bilanci delle banche non migliorano o migliorano molto; nel loro caso (i paesi) potranno solo peggiorare.38

Mentre le riforme, esposero la regione ad entrambi, più shocks e peggiore capacità per risolvere automaticamente questi shocks, il posizionamento della politica del Washington consensus fece i problemi ancora peggiori: una singola idea centrata sui problemi del passato, deficit di bilancio e inflazione, significò che man mano i paesi vissero i redditi di imposta declinare oppure man mano che il reddito declinava o le spese aumentavano e quando affrontarono tassi d'interesse più elevati, furono forzati a tagliare la spesa ed aumentare le imposte, e questa discrezionale politica fiscale pro ciclica esacerbò i ribassi ancora più in basso paese dopo paese.

In alcuni casi, le mani dei paesi furono legate man mano che affrontarono delle difficoltà in ottenere dei fondi. Ma, tuttavia, paesi che avevano accesso ai fondi - un paese come il Cile aveva creato un fondo stabilizzatore, o paesi ricchi in risorse come l'Ecuador o la Bolivia che potevano fare prestiti contro future vendite - furono forzati a prendere in parte misure fiscale contro cicliche. In alcune casi, le strutture contabili incorrette usate dal FMI ed altri analisti finanziari contribuirono ai problemi.

Stiamo diventando in modo crescente consapevoli delle limitazione delle nostre strutture contabili, entrambe, nella sfera pubblica e nella sfera privata. Cattive informazioni conducono a cattive decisioni. Le strutture contabili incorrette utilizzate dalle società americane contribuirono a superinflazionare i prezzi che a loro volta contribuirono a un eccesso d'investimenti in aree come le telecomunicazioni. Le deficienze delle strutture contabili pubbliche sono ancora più note, la fusione, ad esempio, di spese di capitale e spese correnti, il fallimento in tener in conto lo svuotamento delle risorse naturali o il peggioramento dell'ambiente, come facemmo notare prima. Ma i buoni macroeconomisti dovrebbero capire le limitazioni delle strutture contabili. Se, per esempio, il sistema di sicurezza sociale è privatizzato ed i fondi che formalmente confluivano nei conti del governo repentinamente incominciano a fluire in conti d'investimento privati, l'aumento del deficit statale non necessariamente conduce a uno sbilancio macro-economico e potrebbe tuttavia non presentare problemi per il governo finanziare codesti deficit.39

37 Oppure il costo ai correnti proprietari - in termini che la diluizione della loro proprietà chiede - è sufficientemente grande, che trovano questa strada poco attraente.
38 Questo è un altro esempio di ciò che è insegnato nelle prime settimane dei corsi di economie elementari, la " fallacia della composizione". Fa senso se c'é una singola banca affrontando un problema, non ha senso quando il problema è sistematico.
39 Se questo dipende o meno in parte dalla razionalità del mercato; se prendesse le obbligazioni non rimborsate come veri impegni statali, una riforma che ha condotto ad una frazione aumentata di queste obbligazioni rimborsate migliora la visione della posizione finanziaria del governo sul mercato. Si noti che se il governo prende in prestito i soldi dai fondi privati, poi in termini del flusso di fondi la situazione è identica a quello prima della privatizzazione.

Le strutture contabili ingannevoli non solo contribuirono a un'eccessiva austerità, politiche fiscali smodatamente contrazionarie in un momento di ribasso economico contribuirono anche a non investire in infrastruttura (le spesse aggiunte ai deficit, mentre i benefici furono semplicemente non riconosciuti), e nella crescente instabilità economica. I paesi sarebbero stati incoraggiati ad indebitarsi in dollari visto il più basso tasso d'interesse del dollaro rispetto alle valute locali.40 Il bilancio sembrava migliore. Ma chiaramente, se i mercati funzionassero bene, la differenza tra il tasso d'interesse del dollaro e il tasso d'interesse della valuta locale riflette aspettative sul cambio nelle rate di cambio. Ma i governi (e il settore privato, entrambi, il prestatore e chi prende in prestito) sistematicamente sottostimarono il rischio delle fluttuazioni delle rate di cambio e le conseguenze. Paese dopo paese quello che cominciò come un moderato livello d'indebitamento estero esplose a livelli insopportabili come risultato dei deprezzamenti.

Liberalizzazione commerciale
Mentre la liberalizzazione dei mercati dei capitali e la macro politica pro ciclica furono centrali per il funzionamento delle economie della regione, la liberalizzazione degli scambi commerciali ebbe un ruolo importante. I mercati furono aperti, posti di lavoro distrutti, nella ingenua credenza che quanto dice la Legge ancora regge: l'offerta crea la sua propria domanda.41

Quando, senza soppressa, questo non si verificò, i paesi furono raggirati di nuovo: c'era eccessiva rigidità del mercato di lavoro. I salari dovevano scendere ancora impoverendo i poveri ancora di più. A salari più bassi, le società troverebbe redditizio assumere lavoratori. Questo ignorò entrambe, teoria ed evidenza: Uno dei più grossi avanzi in teoria economica degli ultimi trenta anni è stato l'efficienza della teoria dei salari che dice che a salari più bassi la produttività è più bassa, tanto se la domanda di lavoro cresce poco o tuttavia possibilmente decresce. Lavori empirici negli Stati Uniti hanno mostrato che il salario minimo ha avuto poco o nessun effetto avverso sull'occupazione (Card and Krueger [1995]). In molti dei paesi della regione, il settore informale, nel quale rigide convenzioni non hanno nessun ruolo, è enorme. Se gli economisti del FMI erano corretti allora questo settore da solo sarebbe capace d'assorbire tutto il lavoro; il rigido settore dei salari si ristringerebbe; ci sarebbero differenze salariali e alcune inefficienze dovute a le differenze salariali ma l'economia sarebbe ancora a pieno lavoro. L'evidenza sta emergendo contro questa ipotesi. Infatti, in Argentina, quando il settore informale crebbe fino abbracciare forse il 50% dell'economia, la disoccupazione continuò a crescere: è stata a due cifre dal 1995.

Non è la rigidità dei salari42 come le politiche del FMI usano biasimare: spesso per codeste politiche è stata minata l'abilità dell'economia di creare nuovi posti di lavoro., forzata da, fra le altre cose, gli elevati tassi d'interesse. Di conseguenza, la liberalizzazione degli scambi commerciali ha dato luogo ad il trasferimento dei lavoratori non da lavori di bassa produttività a lavori di alta produttività ma da lavori di alta produttività a lavori di bassa produttività.

Le cose sono state ancora peggiorare, chiaro, come risultato dell'ingiusto regime degli scambi commerciali. Come possono i poveri contadini del Chiapas competere con i pesantemente sussidiati coltivatori di mais degli Stati Uniti? Man mano che i prezzi del mais caddero con la liberalizzazione degli scambi così facevano anche i redditi dei coltivatori poveri in Messico che dipendono della vendita del mais. Ai lavoratori industriali del Messico Nord è andata meglio man mano che la domanda delle esportazioni verso il Nord America aumentò, ma coloro in fondo alla distribuzione del reddito furono quelli che pagarono il maggior prezzo.

40 In alcuni paesi, l'FMI incoraggiò attivamente i paesi a prendere dei prestiti in dollari.
41 Altre riforme hanno contribuito anche all'instabilità: sostituendo quote con tariffe, purchessia la virtù della trasparenza, può esporre un paese a una crescente volatilità. Vedere Dasgupta e Stiglitz [1988].
42 Infatti, il lavoro di Easerlyet al [2001] dimostra che la più grande flessibilità salariale non è associata con una più grande stabilità economica.

Un Ruolo Equilibrato per lo Stato
C'era pressoché una singola spinta alle politiche del Washington consensus: ridurre il ruolo dello stato. Addirittura la macro-stabilità non si concentrò in un ruolo più attivo per il governo nello stabilizzare l'economia, ma restringendo il suo ruolo riducendo le sue spese. Il centrarsi sull'IVA senza eccezione per il cibo e anche per le medicine - come una fonte di reddito da imposta limitò anche il ruolo del governo nella redistribuzione.

I mercati privati non ebbero il ruolo stabilizzante che i fondamentalisti del mercato affermavano. Perché dobbiamo essere sorpresi: Le forze del mercato non lo sono ami state da sole. L'unica sorpresa è come questi inaspettati risultati siano sembrati stati ai fautori del Washington consensus.

Ma addirittura i fautori dei mercati privati mai credettero che potessero risolvere tutti i problemi. Loro, ad esempio, non assicurarono una distribuzione equa del reddito. Uno dei problemi centrali del Washington consensus era la loro stretta visione: loro si concentrarono sull'efficienza economica mentre speravano in qualche modo che altre preoccupazioni sociali sarebbero state coperte in alcun altro contesto. Loro fallirono nei loro stretti obiettivi economici. Ma fallirono anche nella loro stretta definita missione esacerbando di molto i problemi sociali. Diciamo che se le politiche del Washington consensus hanno avuto successo nel promuovere la crescita e la stabilità non è chiaro come mai ci sono state richieste per riformare le riforme. Ma i fallimenti combinati fanno il compito di riformare le riforme un imperativo assoluto.

IV. I PRINCIPI DELLA RIFORMA

In questa sezione vorrei formulare dei principi generali che dovrebbero essere posti dietro a qualunque agenda di riforma--qualunque agenda per riformare la riforma.

Obiettivi
Gli obiettivi della riforma dovrebbero essere chiari - e loro dovrebbero andare bene oltre semplicemente aumentare la misura del PIL. C'è ora un crescente riconoscimento che il Washington consensus era troppo stretto nei suoi obiettivi - o più precisamente, fuorviante nelle sue priorità. Dovrebbe essere focalizzato sullo sviluppo democratico, equo e sostenibile.

Fini e mezzi
Non si dovrebbe confondere mai i mezzi con i fini. Il Washington consensus, molto spesso, trattò la privatizzazione, la liberalizzazione e la stabilizzazione come fini a se stessi piuttosto che mezzi per raggiungere obbiettivi più lungimiranti. Si pensava raggiungere più elevati redditi, crescita più veloce. La liberalizzazione dei mercati dei capitali chiaramente non fece ciò: invece portò soltanto maggiore instabilità. La liberalizzazione del settore finanziario ha pure portato spesso instabilità - seguita da costosi salvataggi. La privatizzazione dei monopoli, senza regolazione, può portare prezzi più elevati, poiché i proprietari privati sono più capaci di sfruttare il potere del mercato. La regione è segnata dalle privatizzazioni fallite e le privatizzazioni sono andate a vuoto in adempire le sue promesse - di banche, strade, acqua, telecomunicazioni, sicurezza sociale. Forse se le privatizzazioni fossero state fatte differentemente, più attentamente, le conseguenze sarebbero state migliori.43 Ma questa è una parte del problema: queste riforme furono quasi prese come fini a se stesse. A volte, sembrò esserci la credenze che non importava come le riforme furono fatte: quello che importava era che erano state fatte.

Concentrarsi sull'inflazione riflette, entrambe, una stretta visione - c'è di più sulla macrostabilità, come abbiamo visto, che soltanto portare giù la percentuale dell'inflazione - e una confusione dei fini con i mezzi. Loro ragionano noi dovremmo concentrarsi sull'inflazione che è quella che può impedire la crescita economica44 e c'è alcuna evidenza che rate molte alte d'inflazione fa ciò.45 Ma le azioni prese per limitare l'inflazione possono loro stesse avere effetti avversi sulla crescita caso nel quale noi dobbiamo bilanciare tutte e due.46 Noi abbiamo visto adesso, in pratica, che concentrarsi eccessivamente sull'inflazione ha soffocato la crescita.47 Infatti, il lavoro di Akerlof e i suoi coautori48 argomenta che il livello ottimo d'inflazione è strettamente più alto di zero - e in Giappone e altrove abbiamo visto gi effetti avversi della deflazione.49 Loro con l'unica idea di concentrarsi sull'inflazione hanno argomentato che una volta l'inflazione comincia non può essere fermata e che i costi d'invertire l'inflazione sono elevati ma entrambe di queste contese non resistono uno scrutinio empirico (Vedere, ad esempio, il Consiglio dei Consulenti Economici - Council of Economic Advisers [1996,1997].)50

43 Il problema delle privatizzazioni e della liberalizzazione è discusso piuttosto ampiamente sotto.
44 C'è anche una preoccupazione che l'inflazione ha effetti avversi sui poveri; ma gli effetti avversi della disoccupazione sono anche più grandi. Molti degli studi empirici che suggeriscono che "l'inflazione è la più crudele tassa sui poveri" confondi gli effetti dell'inflazione stessa col disturbo evidente che dà il suo aumento; lo shock dei prezzi sul degli anni settanta, per esempio, generò l'inflazione ed ebbe impatti avversi sui poveri.
45 L'evidenza deve essere interpretata con cautela, perché tipicamente quando ci sono percentuali molto alte dell'inflazione ci sono alcuni evidenti disturbi che generano un macro-squilibrio,ed un fallimento del governo di trattare con quei problemi. Adesso c'è spesso un problema d'identificazione: è la crescita bassa il risultato di un'inflazione alta o i fattori che la fanno scattare.
46 C'è, per essere sicuri, modelli che suggeriscono che non c'è nessun scambio, che c'è un verticale aumento della curva di Phillips, ma c sono pure coloro che reclamano che non c'è affatto una curva di Phillips. In ogni caso, la recente esperienza, negli Stati Uniti e altrove, è consistente con l'ipotesi di una curva di Phillips non verticale nel breve termine - anche se eventualmente l'economia pagherà il prezzo per livelli molto bassi di disoccupazione. In ogni modo, potrei argomentare che l'evidenza di una curva di Phillips verticale è sufficientemente debole i paesi non potrebbero basare le loro politiche sull'assunzione che è verticale in una spanna attinente di tempo. In generale, se c'è una NAIRU, ma c'è incertezza sul suo livello, le conclusioni politiche sono per molto le stesse.
47 E davvero, nel caso della Russia, poté essere uno dei fattori che contribuirono alla crescita della permuta, la quale conduce di per sé ogni istante a inefficienze nell'allocazione del mercato così serie come quelle associate con un'inflazione alta.
48 Akerlof, Dickens e Perry [1996].
49 Un punto che Fischer [1933] e Greenwald e Stiglitz [1993] hanno anche enfatizzato. Più recentemente, le preoccupazioni sulla deflazione sono pure aumentate in Europa.
50 Vedere anche Stiglitz [1997].

L'eccessivo concentrarsi sull'austerità fiscale però che segue a un eccessivo concentrarsi sull'inflazione ha delle ulteriori conseguenze. Significa che le risorse non sono pienamente utilizzate e lo spreco di risorse non ha soltanto un costo sul benessere oggi ma anche sul futuro. Investimenti, entrambi, in capitale fisico e umano che potevano essere fatti non sono intrapresi.

L'FMI ha argomentato che i paesi devono soffrire, e così facendo, presumibilmente, la futura crescita sarà più robusta. Ma soffrire non è se stessa una virtù. Alcune forme di sofferenza impediscono in realtà, non soltanto non crescere oggi ma, non crescere neppure domani. Studi macro-economici confermano ampiamente l'ipotesi quasi nodale che le politiche che conducono oggi a un abbassamento del reddito conducono a un abbassamento del reddito domani e pertanto nel futuro.

Permettetemi essere chiaro: Non sto difendendo un'inflazione sfrenata.51 Quello che sto dicendo è che quando un paese attualmente ha delle grandi risorse sotto utilizzate, quando c'è una deflazione presente, uno non dovrebbe fare un feticcio preoccupandosi sul fatto che qualche grado di espansione fiscale potrebbe condurre a un leggere aumento dei prezzi.

Orientamento dello sviluppo con una Sensibilità alle Conseguenze Sociali delle Politiche Economiche
Similarmente, le riforme devono essere basate su un'ampia concezione dello sviluppo, quello che ho chiamato durante la mia prima conferenza Prebisch, sviluppo come trasformazione. Perché lo sviluppo è la trasformazione della società, le conseguenze sociali della riforma non soltanto non possono essere ignorate ma devono essere davanti e centrali.

Un Riconoscimento dei Limiti dei Mercati ed Una Visione Equilibrata del Ruolo del Governo
E' forse ovvio che la riforma deve essere basata su una comprensione ragionevole dell'economia. Ma così come il Washington consensus fu criticato per avere obiettivi molto stretti, poteva essere criticato per essere sbagliati o molto semplicisti, nel suo "modello" d'economia. Ignorò le limitazioni presenti da una informazione asimmetrica limitata, mercati incompleti e imperfetta concorrenza - limitazioni le quali sono importanti per qualunque economia ma specialmente per quelle in sviluppo. La visione che i mercati da sé conducono a una economia efficiente - o più ampiamente, che i mercati da sé potevano risolvere i problemi basici della società - è visto qualche volta come fondamentalismo di mercato.

Si dovrebbe riconoscere che mentre i mercati possono essere al centro di una economia di successo i governi hanno giocato un importante ruolo. Uno dei più grandi problemi in America Latina è il persistente alto livello d'ineguaglianza. Da soli, i mercati non tratteranno con questo problema e le ricadute economiche dei fondamentalisti del mercato semplicemente non funzioneranno; e anche se funzionassero funzioneranno troppo lentamente. Da soli, i mercanti non assicurano macro-stabilità; e anche se eventualmente l'economia si ricupera da uno shock avverso che conduce ad una disoccupazione alta, i mercati da soli funzionano molto lentamente.

51 Come alcuni critichi sul FMI hanno affermato.

Come parte di una comprensione ragionevole dell'economia deve esserci una comprensione del ruolo del governo. La visione di un ruolo del governo nel Washington consensus fu, spesso, squilibrata. Visse il governo come parte del problema dello sviluppo; spesso sembrò chiedere per uno stato minimalista. Gli scandali che affrontano oggi le corporazioni americane hanno mostrato il pericolo dei mercati non regolamentati; hanno mostrato che gli incentivi funzionano ma non necessariamente negli interesi né dell'economia globalmente né dell'azionista ordinario. Loro sono la conseguenza dello stesso pensiero di non regolamentazione che è stato spinto in America Latina. Gli Stati Uniti dovrebbero imparare la loro lezione: l'eccessiva non regolamentazione sotto Reagan (combinata con gli eccessivi tassi d'interesse menzionati prima) condusse alla debacle della S & L, costando non solo pagare miliardi ai contribuenti ma all'economia americana ancora di più, attraverso investimenti allocati male.

Evidenziare i fondamentalismi del mercato è credere in una mano invisibile, nell'efficienza dei mercati senza restrizioni. Dobbiamo riconoscere però che con l'informazione imperfetta e i mercati imperfetti - problemi particolarmente rilevanti nei paesi in sviluppo - la mano invisibile può essere semplicemente invisibile perché non c'é. (Vedere, in particolare, Greenwald e Stiglitz [1986]). I fallimenti dei mercati sono comuni. Anche quando ci sono molte società sul mercato, informazioni limitate possono dare ciascuna un certo grado di potere di monopolio. Ciò è spesso, ad esempio, la causa nei mercati dei crediti, specialmente per le imprese di piccola e media taglia ed il marketing in agricoltura, specialmente nei paesi molto sottosviluppati. Questo è uno dei motivi, ad esempio, che anche negli Stati Uniti noi non ci affidiamo alle società private per il marketing dei prodotti agricoli, dalle uva passate alle arance, ma invece ricorriamo alle cooperative; e è anche una delle ragioni per cui le cooperative di credito hanno tradizionalmente giocato un ruolo molto importante. Come le istituzioni internazionali d'economia hanno questionato l'abbandono di paletti sul marketing in molti paesi dell'Africa occidentale, pone, in almeno alcuni casi, la preoccupazione che i contadini abbiano tratto poco profitto; i soldi che di solito andavano ad aiutare a pagare i servizi generali del governo - e in alcuni casi la corruzione - adesso vanno a sostenere i monopoli locali e la mafia e più corruzione locale.

Non ci sono teoremi generali che dicono che la liberalizzazione e la privatizzazione nella classe di mondo imperfetto in cui viviamo condurranno a miglioramenti nel benessere di tutta la società. Ci sono teoremi che hanno dimostrato che la liberalizzazione degli scambi commerciali in presenza di rischiosi mercati imperfetti possono in realtà per tutti far peggiorare le cose. (Newbery e Stiglitz [1984]) E ciò dimostra che le uniche condizioni sotto le quali possiamo essere sicuri che le privatizzazioni miglioreranno il benessere sono le stesse altamente ristrette condizioni sotto le quali il teorema della mano invisibile di Adam Smith fu valido. (Sappington e Stiglitz [1987]).52 Ricerche empiriche appoggiano questo scettico approccio (Vedere, per esempio, Rodrik e Rodriguez [2001] nell'area degli scambi commerciali; nel caso dei flussi dei capitali, Rodrik [1998] indica che la liberalizzazione dei mercati dei capitali, usando le misure del FMI, non conducono né a un incremento della crescita né a un maggior investimento. Il fatto è che le acciaierie statali della Korea furono molto più efficienti che quelle private americane, che il settore statale dell'energia francese è più efficiente che quello privato americano, che l'Imprese Comunali e Regionali della Cina sono tra le più imprenditoriali del mondo.) Mentre io credo che fa senso per il governo uscire da aree come l'acciaio, nel quale non c'e un ovvio ruolo per il governo, in aree come l'acqua, elettricità, trasporti e gas, nel quale sì, il governo deve, in una forma o in un'altra, giocare un maggior ruolo, i problemi della regolazione e non regolazione che sono venuti alla luce in California e la Gran Bretagna e una miriade di concessioni in America Latina, dimostrano che le privatizzazioni no sono una panacea e potrebbero in realtà far peggiorare la situazione. E il processo delle privatizzazioni, specialmente quando è smodatamente spinto, è se stesso carico di problemi.

I costi del fondamentalismo del mercato non va meglio a livello macro-economico che micro: e parzialmente perché dal suo fallimento apprezziamo i collegamenti tra i due. Oggi, chiaramente, i pochi fondamentalisti del mercato credono che i mercati se correggono se stessi, che non è necessario un governo che giochi un ruolo nella politica macro-economica. Ma, come facciamo notare prima, si usa argomentare che, specialmente nei paesi in sviluppo, il governo è stata la fonte della macro-instabilità: con una prudente politica fiscale e una corretta politica monetaria i paesi non affronterebbero delle crisi. La crisi Est-Asiatica seppellì quel particolare mito. Questi paesi hanno avuto dei surplus fiscali e inflazioni molto basse. Sono state le debolezze delle istituzioni finanziarie - causate in parte da una sotto regolamentazione.

52 vedere anche Herbert Simon [1991].

Non solo le politiche del Washington consensus non hanno avuto successo nel realizzare la macro-stabilità: esse hanno, parzialmente per le ragioni citate prima in questo documento, contribuito in realtà alla macro-instabilità attraverso le politiche di liberalizzazione dei capitali e dei mercati finanziari.

L'ironia è che i paesi che hanno avuto successo - entrambi, i paesi avanzati industriali di Europa e Nord America e la rapida crescita delle economie dell'Est Asiatico - hanno intuitivamente riconosciuto la necessità di un equilibrio tra i mercati e lo stato. La versione dell'economia di mercato che si sta affibbiando ai paesi in sviluppo non corrisponde, per esempio, a quella degli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, la banca centrale (la Riserva Federale) non solo si concentrò sull'inflazione ma anche sull'occupazione e sulla crescita; c'è un'accettazione dei deficit - addirittura grandi deficit - quando c'è un rallentamento dell'economia.53 Negli Stati Uniti esiste una forte opposizione alla privatizzazione della sicurezza sociale e il governo e il maggiore fornitore di elettricità sebbene ci siano stati leggeri tentativi di privatizzarle tenacemente respinti.54

Non un singolo "Migliore" Sistema o Politica "Corretta"
Uno dei più grandi fallimenti delle politiche del Washington consensus fu l'apparente credenza che le riforme potevano essere lasciate ai tecnocrati. Ciò fu presumibilmente basato sulla premessa che c'è una singola politica economica migliore - e che era meglio lasciare agli esperti trovare quella politica. Ma non c'è un singolo insieme di politiche dominanti, un insieme di politiche, su qualunque altra politica, che fanno tutti gli individui migliori.

Il problema è che i mercati finanziari55 e l'FMI che spesso rappresenta i loro interessi e ideologia, spesso agiscono come se ci fosse un singolo insieme di politiche dominanti. Questo è contrario ad una delle prime lezioni che insegniamo in economia, l'esistenza degli interscambi (trade-off). Il ruolo del consulente economico è identificare questi interscambi. La scienza della economica, chiaramente, enfatizza i limiti della nostra conoscenza, le incertezze associate non solo con il futuro ma con le conseguenze di azioni alternative. L'analisi di incidenza non solo identifica chi guadagna e perdi da ogni politica, ma anche chi assume i rischi associati ad essa. Il ruolo del processo politico è fare delle scelte, consapevole degli interscambi, consapevole dei guadagni, delle perdite, di alcune politiche che comportano più rischi, alcune meno, alcune politiche coinvolgendo certi gruppi assumendo quei rischi. Ci sono degli interscambi nel corto e lungo periodo. Quando consulenti terzi tentano di vendere una particolare politica come la politica giusta - insinuando che non ci sono interscambi, né rischi, né alternative - i governi ed i cittadini dovrebbero diventare sospettosi.

53 Nel 1992, il deficit Americano era vicino al 5% del PIL. Se gli Stati Uniti avessero privatizzato la sicurezza sociale (o se i ricavi della sicurezza sociale sono esclusi), il deficit raggiunge l'8% del PIL. Questi numeri sono assai lontani da quelli in Argentina, o la maggior parte degli altri paesi in America Latina più grandi di quegli in Argentina o la maggior parte degli altri paesi in America Latina che sono stati criticati di sregolatezza sui bilanci.
54 Come, col ruolo dominante degli Stati Uniti, uno si chiederebbe, l'FMI potrebbe spingere politiche che sono così diverse da quelle degli Stati Uniti, specialmente durante una Amministrazione, come quella di Clinton apparentemente impegnata sull'uguaglianza ed i poveri? La risposta è in parte che concetti di giustizia sociale sembrano spesso fermarsi al confine; ed in parte che gli Stati Uniti sono rappresentati dal suo Dipartimento del Tesoro il quale spesso spinge punti di vista marcatamente differenti da quelli uguali dentro l'Amministrazione.
55 Semplifico molto quando mi riferisco ai "mercati finanziari", perché ci sono chiaramente molti attori nei mercati finanziari,con interessi diversi. Investitori a lungo termine, come ho già fatto notare, hanno interessi marcatamente differenti agli speculatori a breve termine. Mentre gli speculatori fanno soldi sulla variabilità dalla instabilità, gli investitori a lungo termine guadagnano dalla stabilità.

Così, anche, gli avvocati del capitalismo stile americano hanno agito come se ci fosse una sola forma dominante d'organizzazione economica e se sentirono così specialmente dopo il crollo del comunismo. Sebbene i recenti eventi hanno preso alcune delle lucentezze del capitalismo stile americano, questi crociati non hanno mai capito né il sistema economico americano e che l'ha fatto funzionare, né quello di altri paesi; loro hanno sottostimato il ruolo che il governo ha giocato - ad esempio, le politiche industriali dalla agricoltura al high tech, dalla creazione della industria delle telecomunicazioni, nel 1842, con la posa della prima linea telegrafica, al moderno internet, o le politiche regolatrici che sono così importanti per il funzionamento dei nostri mercati obbligazionari e sistemi bancari - e addirittura sottostimato il ruolo delle istituzioni non governative non profit, siano cooperative agricole e di credito o delle università, ospedali e fondazioni.

Loro hanno sottovalutato ugualmente il successo di versioni alternative al capitalismo come quella presente in Svezia. Loro non hanno presentato le riforme dei primi 90 in quel paese come un abbandono del loro tradizionale modello di stato assistenziale. Ciò è sbagliato: loro [Svezia] hanno affinato il loro sistema. Il livello di protezione sociale rimane molto più alto che negli Stati Uniti, il ruolo del governo rimane molto più ampio che negli Stati Uniti, tuttavia loro sono stati da ogni punti di vista un successo per la Nuova Economia - mostrando una crescente stabilità pur l'attuale rallentamento economico. Potrei argomentare che il loro successo è, almeno in parte, dovuto alla loro forti protezioni sociali: un'essenziale parte del successo è la volontà di prendere dei rischi e la robusta rete di sicurezza della Svezia rinforza l'abilità e la buona volontà degli individui per fare così.

Politica Economica
Se come abbiamo discusso, ci sono politiche alternative economiche, e se queste alternative condizionano i diversi gruppo differentemente, ciò significa un grande impegno per chi prende le decisioni e come quelle decisioni sono prese. Se c'è una interscambio disoccupazione/inflazione e se ai lavoratori interessa di più la disoccupazione, mentre i mercati finanziari si preoccupano dalla erosione del valore dei loro beni nominali con l'inflazione, allora i lavoratori e i mercati finanziari devono vedere l'interscambio da un punto di vista differente; affidando la decisione sulla politica monetaria a una banca centrale indipendente controllata dagli interessi finanziari o dando mandato alla banca centrale di centrarsi soltanto sulla inflazione, più probabilmente quanto viene fuori sarà più d'accordo con gli interessi finanziari piuttosto che con gli interessi dei lavoratori.

Una delle maggiori riforme dell'America Latina è stata la sua democratizzazione. In modo crescente è riconosciuto che la democrazia elettorale - dove le elezioni sono comprate, donde i media sono controllati da certi speciali interessi o addirittura quando i cittadini non hanno la conoscenza richiesta per essere votanti informati - di per sé non è sufficiente. Chi sono quelli in Venezuela, i due terzi della popolazione che rimane in povertà in un paese ricco in petrolio dove i frutti della loro ricchezza sono andati a finire a particolari gruppi, che pensano in una democrazia elettorale dove, almeno prima dell'avvento di Chavez, semplicemente perpetuava questo stato negli affari? Oggi, in tutta la regione coloro che sono stati messi da parte in passato esigono una voce. Le democrazie elettorale del passato, qualunque siano i loro meriti, non hanno onorato i loro impegni. Ciò è quello che loro sanno.

C'è, chiaramente, molte connessioni tra il regime politico e il successo economico56: paesi affrontando disordini sociali e politici non creano un buon ambiente per gli affari. Le politiche del passato hanno messo in movimento un circolo vizioso: macropolitiche fallite che hanno portato a un'alta disoccupazione che hanno condotto, o almeno contribuito, a una violenza urbana e guerra di guerriglie, e alla loro volta, hanno scoraggiato gli investimenti e impedito la crescita. Stabilizzazione - o più precisamente, stabilizzazione sbagliata, con un eccessiva focalizzazione in eliminare l'inflazione attraverso politiche fiscali e monetarie eccessivamente contrazionistiche, non solo non hanno condotto sé stesse alla crescita ma hanno alimentato una spirale ribassista. Un senso di frustrazione dalle politiche economiche dettate da interesse speciali, dentro i loro paesi, oppure peggio, dentro i paesi avanzati industrializzati, peggiora soltanto l'insoddisfazione.

Ci sono altri collegamenti tra il successo economico e la politica. Le concentrazioni di ricchezza economica possono, anche nelle democrazie, dare luogo a concentrazioni nel potere politico, mentre limitando lo scopo della regolamentazione o delle imposte ridistributive o la sua abilità per aumentare le tasse, impedire la capacità dello Stato di compiere le sue funzioni vitali. Allo stesso tempo, gli estremi dell'instabilità ha condotto alla erosione della classe media, i gruppi che erano stati il supporto dello stabilimento delle regole di legge così necessarie per il funzionamento effettivo dell'economia di mercato.

Le politiche del Washington consensus diedero scarsa attenzione ai problemi della distribuzione. Ma politica ed economia sono intricatamene attorcigliate. Anche se uno si interessa poco dalla povertà o dell'ineguaglianza, la distribuzione del reddito, entrambe, diretta ed indiretta, attraverso i processi politici, è importante per la performance dell'economia.57 Queste preoccupazioni devono essere centrali in qualsiasi agenda per riformare la riforma.

Oltre i principi economici
Ho dedicato la maggior parte della mia conferenza in questa sezione ai problema sui principi di economia, ma dovrei menzionare brevemente quattro problemi filosofici più ampi. Prima, c'è stato un importante spostamento nelle nozioni di eguaglianza, con maggior enfasi sulla opportunità di eguaglianza, piuttosto che l'eguaglianza sul risultato. Secondo, c'è un riconoscimento all'importanza della comunità, della necessità di un'azione collettiva, comunità che, non solo può essere espressa attraverso il governo, ai suoi vari livelli, ma anche attraverso la società civile e organizzazioni non governative le quali possono essere importati veicoli non solo per l'azione ma para esprimersi come voce. Terzo, c'è stato, in decadi recenti, un allargamento del concetto sui diritti umani basici - non solo la libertà ed i diritti civili, la libertà di parlare ed stampa, il diritto di riunione, la libertà di culto ed i diritti economici: accesso alla cura della salute basica, il diritto di guadagnarsi una vita. Possono esserci conflitti tra questi diritti e trai i diritti di alcuni e quelli di altri, e devono esserci strade per le quali questi conflitti siano risolti: questa è una delle aree della responsabilità collettiva. E finalmente, con diritti e responsabilità, responsabilità a livello individuale e di comunità. Quelle che siano queste responsabilità e quelle che saranno le conseguenze per vivere fuori da queste responsabilità, sollevano alcune delle domande più difficile della politica pubblica, ben al di là delle limitate intenzioni dei miei commenti oggi.

56 Questa lista non ha voluta essere omnicomprensiva. Letteratura sviluppata recentemente ha enfatizzato l'importanza della partecipazione e il senso di proprietà al successo dello sviluppo. Vedere, e.g. Stiglitz [2001b]. Una partecipazione significativa nel processo elettorale richiede, chiaramente, che i cittadini siano informati su quello che sta facendo il loro governo e su quello che si propone fare. Questo implica che la trasparenza del governo ed il diritto dei cittadini a sapere perfezionato dalla effettiva libertà agli atti di informazioni, sono essenziali. Mentre la Svezia ha avuto tale legislazione da più di duecento anni, negli ultimi anni sempre più paesi hanno adottato tali riforme.
57 È ampiamente riconosciuto, ad esempio, quella parte di successo del Est Asiatico che è riconosciuto estesamente, per esempio che parte del successo nell'Asia Est era il risultato della loro attiva ricerca attiva di politiche egualitarie. Vedere, e.g. Stiglitz [1996] e le referenze là citate.

V. ELEMENTI DELL'AGENDA DI UNA RIFORMA

I principi della sezione precedente provvedono una guida in pensare come riformare la riforma. Ho criticato il Washington consensus non soltanto per quello che c'era sull'agenda ma anche per quello che non c'era e guardando quello che c'era e non uno trova una migliore visione non soltanto del ruolo ideologico ma anche degli interessi. In alcuni paesi, la mezzadria è una forma comune d'agricoltura. Sotto la mezzadria, 50% (in alcuni casi anche di più) della produzione la si prende il proprietario della terra. L'attenuazione degli incentivi è ovvia. Normalmente, l'FMI parla criticamente sulle alte tasse: riducono gli incentivi. Ma gli effetti avversi della mezzadria sui molti poveri non è meno importante. La riforma sulla tenenza della terra non è mai stata nell'agenda del FMI o perlomeno non ha avuto nessun risalto, per ovvie ragioni.

Per enfatizzare la differenza fondamentale tra l'approccio del Washington consensus allo sviluppo e quello che sto difendendo qui, vorrei cominciare con quelle parti dell'agenda che trattano dei problemi a cui prima è stata data poca attenzione. Ognuno degli articoli elencati sotto potrebbero essere da soli il soggetto di un documento e ci sono molte altre riforme - e.g. alle istituzioni politiche - alle quali oggi non possiamo dedicare tempo. Ho criticato il Washington consensus per essere smodatamente generale nei suoi obbiettivi; l'agenda della riforma sotto potrebbe essere criticata per essere ugualmente smodatamente generale. Credo, tuttavia, che la Banca Mondiale ha avuto ragione nell'accentuare la necessità di un approccio comprensivo58 e mentre nessun governo può dare retta a tutti i punti contemporaneamente sarebbe un errore ignorare qualunque di queste dimensioni.

Mobilitazione sociale
Il più importante elemento di mobilitazione sociale è, forse l'istruzione. Mentre l'aumento delle spese in istruzione sono diventate parte del pensiero di entrambe, la sinistra e la destra, c'è stata meno attenzione ai problemi dell'allocazione delle spese educative e il loro contenuto. Gli svantaggi istruttivi del povero cominciano prima di entrare a scuola ed ecco perché il Progetto Headstart ha avuto un ruolo così importante nella politica educativo negli Stati Uniti.

L'istruzione è così importante perché affetta il ceto medio della prossima generazione: affetta, per esempio, i loro atteggiamenti verso il cambio e la tradizione. Migliora il loro intendimento sui loro diritti e le loro responsabilità, il ruolo dell'individuo e lo stato. Nel diciannovesimo secolo, una delle funzioni dello sviluppo iniziale della pubblica istruzione è stata fornire una disciplinata forza di lavoro con la necessaria quantità d'istruzione. Oggi, vogliamo una cittadinanza che difende i suoi diritti, preparata per il processo di imparare tutta la vita, che ha le abilità necessarie per funzionare in una società moderna (e.g. abilità di calcolo) ed il dominio delle lingue richieste. In molti dei paesi più poveri, per almeno il prossimo quarto di secolo, grandi frazioni della popolazione rimarranno nelle fattorie e per queste l'istruzione non è solo un modo per venirne fuori: non solo addestramento per lavori urbani, ma maestrie che possono aumentare la produttività all'interno del settore rurale. La conoscenza sulla salute e sull'ambiente può avere immenso effetto sulla qualità della vita d'ogni giorno e influire la sostenibilità dell'ambiente e anche una lunga durata degli standard di vita.

L'imprenditorialità sarà la chiave del futuro ed imprenditorialità, così come le altre capacità e conoscenze per il successo negli affari, può essere pure insegnata. In alcuni paesi in sviluppo, gli schemi di micro-credito hanno dimostrato essere un'importante strumento per la mobilitazione sociale. Molta della discussione sul micro-credito ha enfatizzato gli aspetti economici, il procurare credito alle famiglie povere, specialmente donne povere, che altrimenti non avrebbero accesso.

58 Vedere, e.g. Wolfensohn [1998] e Stiglitz [1998].

Ma i promotori originali del micro-credito credettero che molta era la posta in gioco. Loro volevano rovesciare le strutture di potere nei villaggi locali dando più potere economico alle donne povere che prima erano state effettivamente snobbate. (disenfranchised). E ciò è perché in Bangladesh, uno del principale promotori del microcredito , BRAC59, ha integrato i programmi di microcredito con programmi di istruzione, incluso quelli concentrati sull'istruzione femminile, dando enfasi sull'ambiente, sulla salute e sui diritti legali.

I media possono avere un importante ruolo -- ma non se i media sono controllati da alcuni pochi individui ricchi e è pesantemente concentrato, come è il caso in molti paesi. Il Governo deve passare, e rafforzare, una legislazione che assicuri la diversificazione dei media, ma deve anche assicurare, la maggior partecipazione possibile, e.g. attraverso l'appoggio a radiostazioni delle comunità e radiostazioni controllate da Organizzazioni Non Profit.

In anni recenti c'è stata una crescente attenzione sull'ambiente. Ma in certi circoli sembra che un buon ambiente è visto come un lusso da ricchi: i poveri non possono permettersi di dare attenzione a tali questioni. Ma vorrei argomentare60 che, almeno in molti casi, la crescita, la riduzione della povertà e la protezione dell'ambiente sono complementari: l'erosione dei terreni di proprietà comune o il fallimento sul controllo della popolazione vorranno dire che, nel futuro, entrambi, peggior ambiente e maggiore povertà saranno presenti.

In molte parti del mondo le comunità hanno tradizionalmente trovato il modo di gestire l'ambiente per il ben comune. La Tragedia della Proprietà Comune che alcune volte si presenta come il fallimento in stabilire diritti ben definiti sulla proprietà delle risorse comuni è, troppo spesso, il risultato dell'intrusione delle (imperfette) forze di mercato nelle culture tradizionali. Più generalmente, il recente lavoro della Banca Mondiale61 ha enfatizzato l'importanza della cultura, migliorando il senso d'identità e di comunità, così importanti per un lungo benessere.

Il processo dello sviluppo, quasi dappertutto, è stato accompagnato dalla urbanizzazione, ed oggi, una delle principali sfide che affrontano molti paesi in sviluppo è come fare vivibili le città. Un aspetto di una città vivibile è l'ambiente: la creazione di sistemi di trasporti pubblici ed urbani che evitino l'inquinamento dell'aria che ostruisce molte città e lo stabilimento di parchi pubblici, che non solo forniscono un luogo per rilassarsi ma aiutano a creare anche un senso di comunità.

Un altro aspetto dello sviluppo associato con l'urbanizzazione è l'indebolimento delle reti tradizionali di sicurezza sociale di cui le comunità e le famiglie erano state prima provviste. Come ho fatto notare, un'importante dimensione della povertà è l'insicurezza e mentre ho discusso che le riforme economiche devono essere disegnate per migliorare la stabilità economica e ridurre i rischi, in realtà non importa quanto saranno di successo le riforme i paesi in sviluppo saranno colpiti da scosse. Il governo necessita creare una rete di sicurezza sociale, lavorando con organizzazioni non governative che spesso possono provvedere effettivi meccanismi di transizione. In alcuni paesi, c'è stata una preoccupazione sugli eccessi in alcune aree della rete di sicurezza sociale, in particolare, i programmi di pensione. Indubbiamente, questi dovranno essere riformati. In molti casi, i programmi furono disegnati male; incentivi perversi furono messi in gioco, e.g. dare grandi aumenti salariali poco prima di andare in pensione; e questi incentivi perversi hanno avuto effetti perversi, con benefici di pensionamento bene oltre i livelli originalmente intesi. Ma come procedono le riforme, esse devono essere sensibili alle preoccupazioni fondamentali che hanno generato questi programmi.

Aumentare l'Equità e Lottare contro la Povertà
Alla povertà fu dato poco spazio nel Washington consensus, forse perché si credette che i benefici della crescita eventualmente sarebbero stati una conseguenza. Ma non c'e ragione per pensare che questo è il caso. E, per ragioni evidenziate prima in questo documento le politiche del Washington consensus fecero quasi sicuramente peggiorare i problemi della povertà.

59 Comitato di Miglioramento Rurale del Bangladesh.
60 Vedere anche Dasgupta [1995].
61 Rao e Walton [2003].

Il primo articolo in un'agenda di anti-povertà dovrebbe essere l'impegno del governo alla creazione di posti di lavoro, di lavoro decente, nelle parole dell'ILO, per ciascuno: dovrebbe essere il diritto fondamentale di tutti in una società, chi è disposto a lavorare avere un lavoro, e la responsabilità fondamentale di un governo è assicurare che quel diritto sia adempiuto. Ogni governo che va a vuoto, che fallisce miseramente, come spesso accadde, dovrebbe perdere il suo mandato.

Così, ci sono necessità che devono essere considerate cambiando la mentalità focalizzata soltanto sulla lotta all'inflazione, per una di promozione alla crescita e creazione di posti di lavoro. Noi capiamo alcuni degli impedimenti alla creazione di posti di lavoro, la mancanza di credito e le sopravalutate rate dei cambi.62 Ciò è perché la gestione macro-economica è così importante: se conduce a sopravalutate rate di cambio e elevati tassi di interesse, non ci sarà creazione di posti di lavoro. Noi dobbiamo capire anche che i mercati dei capitali non sono mercati ordinari nei quali l'efficienza richiede un "singolo prezzo" il quale può essere ben descritto come se ci fosse un'asta. In tutti i paesi il governo ha giocato un importante ruolo nel provvedere credito - agli studenti, alle famiglie, ai coltivatori, ai piccoli e medi imprenditori, per l'esportazioni. Per essere sicuri, questi programmi devono qualche volta essere abusati, ma noi ora sappiamo meglio come fornire protezioni contro questi abusi.

Per promuovere l'equità e lottare contro la povertà si deve cominciare con programmi d'istruzione e di salute di lunga durata. Adesso noi sappiamo gli effetti snervanti che una malattia può avere e abbiamo gli attrezzi per ridurre la malattia e le sue conseguenze. Ma c'è di più sulla salute che solo la cura della salute: abbiamo bisogno di promuovere stile di vita sani, incluso la lotta contro il fumo e l'abuso di sostanze e promuovere il consumo di vegetali e una dieta equilibrata.

Il successo nella lotta per la equità e contro la povertà richiede tanto un rafforzamento economico come un rafforzamento politico. Nel settore rurale, che comporterà la riforma sulla terra - che vuol dire riforma sulla ridistribuzione della terra col provvedimento di credito ed accesso alla tecnologia. La tenenza della terra è importante ma deve esser vista solamente come un componente di un programma più vasto. La tenenza della terra, collateralmente, migliora l'uso della terra ma sarà effettivo solamente dove c'è un mercato agricolo ben funzionante.

In entrambi, il settore rurale e il settore urbano, devono esserci programmi per promuovere il risparmio. I recenti crolli dei sistemi bancari hanno eroso la confidenza nel settore finanziario. Abbiamo bisogno di cercare modi di provvedere garanzie di governo credibili per i piccoli risparmiatori nella consapevolezza che questo problema di confidenza dovrebbe incidere sulle strategie per la ristrutturazione della banca nei paesi in crisi. Una possibilità per incoraggiare l'uso di istituzioni finanziarie domestiche è avere una sorta di risparmi del governo legati ai conti dei piccoli risparmiatori (una sorta di "credito d'imposta sul reddito" per i risparmi degli individui di basso reddito).

La tassazione deve essere fatta in modo più equa. L'IVA non è una tassa equa; in molti dei paesi in sviluppo è una tassa che né è consistente con l'efficienza economica né promuove la crescita, è una tassa sul settore formale - quello che dovrebbe essere promosso nel processo di sviluppo. E come i molto ricchi spesso spendono somme sostanziali del reddito all'estero non rappresenta neanche una tassa proporzionale sul consumo.

62 Ci sono altri, come una eccessiva protezione del lavoro che incrementa i costi d'assumere un lavoratore, ma per ragione spiegate prima, non credo che queste siano primarie, almeno in molti dei paesi della regione.

Lo scopo della politica sulle tasse dovrebbe promuovere l'equità, la stabilità e una crescita sostenibile e la sua struttura dovrebbe essere resistente alla corruzione. Pertanto, noi dovremmo fare affidamento di più sulle tasse indirette, come quelle imposte sulle grosse macchine e i beni di consumo di lusso, consumi in lunga misura dei ricchi (e molti importati). Noi dovremmo tassare merci come il petrolio e il carbone che sono dannosi per l'ambiente, imporre tasse più alte sui redditi associati con le risorse naturali o monopoli o quasi monopoli, come i settori delle telecomunicazioni o del cemento in alcuni paesi di America Latina. Dovremmo imporre alte tasse progressive sulle grosse proprietà, grosse proprietà terriere - e pensare sul modo che noi possiamo indurre i grossi possessori della terra ad assumere più lavoratori, ad esempio, garantendogli riduzioni sulle tasse o crediti per l'assunzione di lavoratori. Dovremmo anche considerare tasse sui flussi dei capitali a corto termine dentro e fuori di un paese - aggiustando la percentuale alle circostanze economiche (e dovremmo usare altre misure per stabilizzare il flusso dei capitali e ridurre l'esposizione, come provvedimenti che colpiscano le deduzioni sui prestiti a corto termine in valuta estera e regolamentazioni bancarie per scoraggiare obbligazioni estere a corto termine, causanti, come già accennato, di generare i noti problemi).

Creando un buon ambiente per gli affari
Finalmente arrivo alla parte dell'agenda che è diventata uno standard: creare un buon ambiente per gli affari, uno che non solamente attragga investimenti esteri, ma provveda pure a un ambiente ospitale per gli investitori nazionali.

La nostra comprensione di come il governo può fare questo rappresenta uno dei più importanti cambiamenti nel pensiero sullo sviluppo nei recenti anni. Nelle decadi immediatamente dopo la Seconda Guerra Mondiale, l'attenzione si centrò sulla costruzione di una infrastruttura. Nelle decadi del dominio del Washington consensus, l'attenzione si centrò in togliere il governo dalla strada, e.g. minimizzando le regolamentazioni e privatizzando le infrastrutture. Sappiamo che c'è un importante ruolo del governo, un ruolo che va al di là dei progetti e anche al di là delle politiche (come quella di promuovere la macro-stabilità), sebbene entrambe rimangono importanti - il mercato spesso non vede la necessità di progetti di infrastruttura, come strade rurali e, come abbiamo fatto notare, la privatizzazione delle infrastrutture è stata punteggiata da problemi e il mercato da solo non ha prodotto la macro-stabilità. Oggi i teorici dello sviluppo puntano sull'importanza delle istituzioni, sebbene addirittura qui la discussione è spesso non equilibrata, con più attenzione ai problemi sollevati dalla corruzione nel settore pubblico che sulle voragini nelle direzioni delle corporazioni del settore privato; nella creazione di una banca centrale indipendente, centrata sulla lotta all'inflazione che in una più rappresentativa delle preoccupazioni dei cittadini, con una bilanciata prospettiva nella lotta contro l'inflazione, con la promozione della crescita e dell'occupazione oppure nella creazione di istituzioni finanziarie che assicurino il flusso di credito su tutta la popolazione. Purtroppo, possiamo parlare di più su quello che è necessario che su come creare ciò che ha bisogno di essere creato.

Ho già delineato i due degli ingredienti centrali : istruzione e credito. I paesi che hanno fatto meglio in Europa recentemente, come Irlanda ed il Portogallo, hanno avuto un forte, ben regolamentato, sistema bancario locale e buoni sistemi istruttivi. Durante lo sviluppo degli Stati Uniti nel diciannovesimo e ventesimo secolo, molta enfasi fu messa sulle banche locali visto il riconoscimento che fu dato all'importanza dell'informazione locale per dare credito; c'era la legittima preoccupazione che un sistema bancario concentrato, concentrato a New York, esaurirebbe via le risorse del resto del paese e impedirebbe uno esteso sviluppo. Non fu fino agli anni novanta (1990) che il sistema bancario nazionale fu permesso. Tuttavia, internazionalmente, abbiamo insistito che i piccoli paesi si aprissero alla banca internazionale, dando poca attenzione se quelle banche provvederebbero credito alle piccole e mediane firme. Argentina ha mostrato che le banche internazionali non assicurano la stabilità del sistema bancario. Alcuni pensarono che la "banca madre" poteva venire al riscatto delle sue sussidiarie; certamente molti depositanti sembrarono essere stati portati a questa credenza. Ma nulla di ciò accadde. Livellare il campo di gioco e promuovere la crescita, necessità da imporre simile all'Atto di Riinvestimento della Comunità (Community Reinvestment Act): banche con risorse raccolte in un paese devono dar credito dentro quel paese con porzioni significative ad imprese nazionali di piccola e media taglia.

Altre azioni per promuovere piccoli imprenditori, come creatori di aziende, devono essere tentate. Ci sono stati, in tutto il mondo, dei notabili successi.

Il marchio di garanzia del primo periodo di successo in America Latina furono le politiche industriali. Tali politiche hanno avuto, nel corso della passata quarta centuria, ingiustificabilmente, una brutta reputazione. Prima, io descrissi l'importante ruolo che hanno avuto nello sviluppo degli Stati Uniti e credo che loro furono pure importanti nello sviluppo dell'Est Asiatico. Ma politiche che funzionarono in un'era possono essere meno effettive in un'altra, e il regime di commercio globale ha imposto limitazioni sull'estensione alle quale i governi possono avvalersi di tecniche standard, anche se a loro sarebbe piaciuto aver fatto così. Non vorrei riproporre i problemi con altre strategie in America Latina o gli abusi della politica industriale. Come molte altre politiche, può essere un effettivo strumento per la crescita ma può essere anche soggetta ad abusi. L'Amministrazione Clinton, nella quale servii, credette fortemente che tali politiche ebbero potuto avere un importante ruolo nello sviluppo dell'economia americana e dovrebbero essere anche più impellenti necessità per i paesi in sviluppo. Il fatto che il Tesoro Americano era più tollerante a grosse garanzie per Wall Street oppure altri certi casi di prosperità aziendale che per interventi di mercato che promuovessero la tecnologia, a casa o all'estero, dice di più sul ruolo degli interessi e l'impurità dell'ideologia che sulla saggezza di certe politiche economiche. Il Governo ha avuto in passato, e può nel futuro, un ruolo catalitico: non solo può fare funzionare meglio i mercati, può aiutare a modellare l'economia, più importante, attraverso le infrastrutture fisiche, istituzionali ed educative, e.g. assicurando che ci sia una forza di lavoro preparata (educata). Parte di quel ruolo catalitico nell'economia d'oggi è aiutare a promuovere il riconoscimento dei cambi nella struttura che stanno accadendo attraverso il mondo: la riduzione del settore manifatturiero, la crescita del settore dei servizi, l'abilità dei servizi e dei beni di muoversi attraverso i confini. I paesi che hanno avuto una rapida crescita nell'ultima decade - e la maggior creazione d'occupazione - sono stati quelli che si sono accomodati se stessi a, ed anche sostenuto, questi cambi.

Evidentemente le regolamentazioni possono soffocare gli affari: le regolamentazioni devono essere riesaminate, riconoscendo che l'obbiettivo non deve essere la deregolamentazione, ma trovare la giusta intelaiatura regolatrice, una che faccia funzionare l'economia di mercato e che minimizzi il non necessario onore regolatore, e.g. provvedendo centri regolatori. L'incertezza regolamentare - e la corruzione che spesso viene associata con la discrezione regolatrice - ha dimostrato di essere un impedimento importante per gli affari. Ci sono modi con i quali la corruzione può essere seguita e adesso contiamo con strategie per ridurla. La corruzione, certamente, come stiamo imparando, può esserci nel settore privato come nel settore pubblico e la trasparenza può essere almeno parzialmente una condizione contro la corruzione. Strutture legali che assicurino un buon governo corporativo - un sistema di controlli ed equilibri, che protegga gli azionisti contro l'avidità sfrenata del management, azionisti di minoranza contro azionisti di maggioranza, obbligazionisti contro azionisti, obbligazionisti minori contro grossi obbligazionisti - sono necessarie ma difficili da progettare e ancora più difficile da implementare.

La macro stabilità è critica per mantenere un buon ambiente negli affari - la vera stabilità, non quella in nome della stabilità dell'ultima decade. Recessioni, depressioni, sono dannose per gli affari e politiche- come la liberalizzazione dei mercati dei capitali e la poveramente disegnata regolamentazione bancaria, regolazioni bancarie che hanno automatici non stabilizzatori al loro interno - che conducono a instabilità devono essere evitate. Per essere sicuri, i governi devono evitare eccessiva inflazione tanto quanto devono evitare la deflazione. Ma c'è di più per la stabilità che tutto ciò.

Mantenere la stabilità di fronte a un ambiente altamente instabile, con fluttuazioni enormi nelle rate dei cambi e i prezzi delle merce, non sarà facile. I paesi avranno bisogno di imparare come gestire questi rischi, incluso attraverso la diversificazione dei prodotti, la creazioni di fondi di stabilizzazione, l'uso di politiche tassative e di credito (non solo valutarie) anticicliche e modulando i flussi di capitale a corto termine.

C'è, evidentemente, molti altri problemi sui quali non abbiamo parlato: i sistemi di trasporto, specialmente nelle aree rurali, devono essere migliorati se gli individui del settore rurale devono avere accesso ai mercati. In alcuni casi, ci sono "mercati perduti" o competizione così limitata che i piccoli produttori ei consumatori sono sfruttati oppure entrare non è possibile. è importante che ci sia competizione effettiva e politiche regolatrici: di nuovo, il fallimento può venire da un governo che gioca un ruolo troppo piccolo, come di uno che può essere troppo intrusivo. In alcuni casi il governo dovrebbe considerare promuovere delle cooperative che hanno avuto un ruolo così importante in molte economie di mercato, ad esempio, quelle degli Stati Uniti e della Scandinavia.

Ho enfatizzato l'importante ruolo del governo, ma il governo può avere solamente questi ruoli se non è catturato da interessi speciali e se è relativamente libero dalla corruzione. C'è bisogno che ci sia una regola di legge, efficace ed equamente rafforzata. Può esserci la stessa preoccupazione per l'efficienza e l'efficacia nel settore pubblico che per economie di mercato funzionanti bene. Queste sono sfide per tutti i paesi, non solo dei paesi in sviluppo. Queste sono battaglie che non sono mai finite: ci sono sempre interessi speciali a cui piacerebbe usare il potere dello stato per promuovere i loro interessi piuttosto che promuovere una crescita equa e sostenibile. Le buone notizie sono che noi abbiamo visto paesi, entrambi in sviluppo e sviluppati, che hanno fatto grandi passi in avanti nel creare governi rispondenti, effettivi, trasparenti e democraticamente responsabili.

Ho avuto poco da dire su problemi standard come privatizzazione e liberalizzazione che necessitano essere riformate. Le debolezze del passato ora sono ben documentate. Né ho avuto molto da dire sulla riforma del mercato del lavoro - eccetto quello di avvertire prima contro il pensiero semplicista che vorrebbe flessibilità sul mercato del lavoro: tale flessibilità non può condurre ad una maggiore occupazione aumentando la povertà e la instabilità. Ho commentato molti di questi temi dovunque63; ed una completa esposizione dell'agenda di riforma deve attendere un'altra occasione.

63 Vedere, per esempio, Stiglitz [2002b] o Stiglitz [1999a].

VI. COMMENTI FINALI

Ho delineato qui una nuova agenda per le riforme. Esitai ad usare quel termine visto il tono negativo che la parola Riforma ha avuto nei recenti anni. Ma Riforma semplicemente vuol dire cambio, e la Riforma stessa deve essere Riformata. Ho concentrato i miei commenti su quello che possono fare i paese della regione, visto l'attuale regime internazionale. Altrove, ho discusso che quel regime ha problemi fondamentali: ci sono ora ben documentate iniquità nei regimi globali di scambio commerciale e il regime globale finanziario non è solo iniquo ma è inerentemente instabile. Visto che la somma dei deficit nel mondo deve uguagliare la somma delle eccedenze, se alcuni paesi, come il Giappone e la Cina, insistono in avere eccedenze, gli altri - in totale - devono essere in deficit. E se paesi con deficit sono probabilmente afflitti da crisi, le crisi quindi sono davvero inevitabili. Così come un paese indirizza il suo problema, ad esempio cambiando la sua rata di cambio, si muove da deficit ad eccedenza (come la Corea fece dopo la sua crisi), alcuni altri paesi quindi dovranno entrare in deficit o i loro deficit peggiorare. Questa è la semplice aritmetica de la finanza globale.64

I paesi della regione hanno imparato - con grande loro dolore - sull'instabilità dei mercati globali del capitale nonché le loro inefficienze: mentre principi economici standard suggerirebbero che sono i paesi ricchi del mondo che meglio sopportano i rischi dei tassi d'interesse e le fluttuazioni dei cambi, sono pertanto loro, in un mercato che funziona bene, ad affrontare i rischi, mentre in pratica i paesi poveri sono costretti a farlo.

I paesi della regione dovrebbero approfittare della globalizzazione, ma dovrebbero cercare di plasmare la globalizzazione ai loro propri termini. Una Libera Area di Scambio delle Americhe potrebbe essere di enorme beneficio per i paesi della regione, pero soltanto se gli Stati Uniti apre i suoi mercati , tutti i suoi mercati, ai prodotti della regione - che vuol dire non solo aprire i suoi mercati agricoli e tessili, ma eliminando i sussidi agricoli e abbattendo le miriade di barriere tariffarie che gli Stati Uniti hanno utilizzato anche contro i suoi vicini Canada e Messico. E un accordo di libero commercio non può essere utilizzato per promuovere politiche, sotto la rubrica di "protezioni all'investimento" che sarebbero altrimenti inaccettabili (come può essere il caso del NAFTA) oppure un regime di proprietà intellettuale non equilibrato (come era discutibilmente il caso sotto il Trattato di Uruguay). La liberalizzazione dei mercati di capitale è stata una delle maggiori fonti di instabilità nella regione ed anche l'FMI ha riconosciuto che porta dei rischi senza ricompensa. Ancora gli Stati Uniti, nei suoi accordi commerciali bilaterali (con Singapore ed Cile), insiste in proporla.

In questo discorso, ho tentato non solo di identificare le debolezze della prima agenda della riforma ma anche di collegare i fallimenti con le sue politiche: è di più, che solo una questione di cattiva fortuna o, come i difensori del Washington consensus vorrebbero porre, una inadeguata implementazione. Per ultimo, politiche ben progettate devono essere fatte per essere implementate da comuni mortali nel volatile ambiente nel quale viviamo. Nonostante, i fallimenti sono ancora più fondamentali: loro mostrano quanto c'era e non, quanto fu accentuato e non. Molte di queste "riforme", sulle quali l'attenzione fu concentrata, hanno contribuito ai problemi della regione. Ho speso una considerabile quantità di tempo parlando su alcuni punti che hanno ricevuto meno attenzione a quella che dovevano.

Ho discusso qui che noi abbiamo bisogno di formulare un insieme di politiche economiche che riflettano un buon equilibrio tra mercati e governo, che riconoscano il ruolo critico che entrambi devono avere se l'economia deve funzionare, che riconoscano che certi ruoli devono cambiare col tempo, dipendendo dalle forze delle istituzioni, in entrambi settori, il pubblico e il privato, che riconosca che le strategie di sviluppo devono concentrarsi in simultaneamente fortificare entrambi65. Noi abbiamo bisogno pure di portare la nostra attenzione fuori da una eccessiva attenzione sull'inflazione per concentrarsi sulla creazione di posti di lavoro; da ristrutturare e privatizzare le imprese esistenti creandone invece delle nuove. Noi abbiamo bisogno di muoverci da credere in soluzioni economiche cascate per osmosi (o anche da interpretazioni moderne che ho identificato come osmosi +, la quale aggiunge a la semplicista del Washington consensus una preoccupazione per l'istruzione primaria specialmente per le ragazze) a un'esplicita attenzione sulla povertà - in tutte le sue dimensioni e un riconoscimento che uno non può separare le politiche economiche dal loro contesto sociale e politico. Come enfatizzai nella mia conferenza Prebish all'UNCTAD, lo sviluppo è più che soltanto accumulare capitale e migliorare l'efficienza con le quali le risorse sono stanziate, sebbene importanti. In qualche modo, si crede che lasciando i mercati lavorare, da soli, i paesi si svilupperanno. Questo non è accaduto e non accadrà mai. Ma, incoraggiando, costringendo i paesi a concentrarsi in una agenda economica stretta - una infine fuorviante -, toglierà l'attenzione dalle mete più lungimiranti di riforma della società, nella quale la riforma della terra, l'educazione, i diritti economici e politici, siano rappresentanti più preminentemente.

64 Sto lavorando attualmente in un libro col mio collega Bruce Greenwald dettagliando queste debolezze ed esponendo un set di riforme da proporre. Vedere anche Soros [2002].
65 Per esempio, l'osservazione che ci sono problemi col sistema di pensione pubblico non implica che noi dovremmo privatizzare. Noi non dovremmo comparare un sistema privato idealizzato con l'attuale sistema pubblico. In pratica, I costi di transizioni anche in paesi industralizzati ed avanzati sono stati enormi. Può essere più facile migliorare il sistema pubblico che creare un sistema privato, col il necessario apparato regolatore. Veda, e.g. Orszag e Stiglitz [2001] e Murthi, Orszag ed Orszag (1999).

Oggi, noi riconosciamo le difficoltà dei processi economici, sociali e politici. C'è una aperta discussione dei problemi messi tra un regime politico e un altro. Ma c'è stata una insufficiente attenzione sul ruolo che le politiche - incluse quelle economiche - giocano nel plasmare il regime politico; o l'impatto sul modo come le riforme sono state implementate nel processo politico. In Russia, alcuni spinsero l'idea di una rapida privatizzazione, senza importare come fosse fatta, credendo ingenuamente (che ho nominato come il teorema di Coase politico) che una volta il controllo sulla proprietà fosse distribuito, una regola di legge emergerebbe. Non accadde ed era prevedibile. Non fu Rockefeller che spinse per leggi antitrust alla fine del diciannovesimo secolo, né è stato Gates che ha spinto oggi a rafforzare la legge in questo senso. Infatti, ci sono stati tentativi di far tagliare i fondi per un effettivo rafforzamento delle leggi antitrust da quelli che potevano essere colpiti. Egrave; stato, e continua ad esserlo, la borghesia che è stata la più importante risorsa di appoggio per regolamentare la legge66 ed è stata la borghesia che è stata devastata da alcune delle politiche del Washington consensus.

Se sviluppo è infatti la trasformazione della società, noi abbiamo bisogno di pensare con attenzione su quello che comporta e come la trasformazione può essere promossa più efficacemente. La neoliberale agenda della riforma fallì nei suoi obiettivi primari di promuovere la crescita. Come noi pensiamo su cosa dovrebbe riuscirci non dovremmo cadere nella trappola di una visione stretta come quella sostenuta da quell'agenda. Se vogliamo modificare l'agenda economica dobbiamo assicurare che quest'agenda venga messa all'interno di un ampio contesto nel quale risiedere.

66 Vedere Birdsall, Graham, e Pettinato [2000].

Referenze

  • Agénor, Pierre-Richard, "Macroeconomic Adjustment and the Poor: Analytical Issues and Cross-Country Evidence," World Bank Working Paper, August 2002
  • Akerlof, George, William Dickens, and George Perry, "The Macroeconomics of Low Inflation," Brookings Papers on Economic Activity (1), 1996, pp. 1-76.
  • Baily, Martin; Joseph Stiglitz and Laura Tyson, Economic Report of the President 1994, Government Printing Office, 1995.
  • Birdsall, Nancy; Carol Graham and Stefano Pettinato, "Stuck in the Tunnel: Have New Markets Muddled the Middle?" Center on Social and Economic Dynamics Working Paper No 14, The Brookings Institution. Washington DC, August 2000.
  • Bouillon, César; Arianna Legovini and Nora Lustig "Rising Inequality in Mexico: Household Characteristics and Regional Effects," Inter-American Development Bank, Sustainable Development Department, Washington, D.C., September 2001.
  • Caprio, Gerard and Daniela Klingebel, "Episodes of Systemic and Borderline Financial Crises," World Bank Discussion Paper, 1999.
  • Card, David and Alan B. Krueger Myth and Measurement: The New Economics of the Minimum Wage, NJ: Princeton University Press, 1995.
  • Council of Economic Advisers, Economic Report of the President, Washington, D.C.: US Government Printing Office, 1996.
  • Council of Economic Advisers, Economic Report of the President, Washington, D.C.: US Government Printing Office, 1997.
  • Damill, Mario and Roberto Frenkel, "Argentina: Macroeconomic Performance and Crisis," forthcoming in R. Ffrench-Davis, D. Nayyar, and J. E. Stiglitz, (eds.), Stabilization Policies for Growth and Development, Initiative for Policy Dialogue Task Force on Macro-economic Stabilization, 2003a (forthcoming). (paper available at www.policydialogue.org)
  • Dasgupta, Partha, An Inquiry into Well-Being and Destitution, Oxford: Clarendon Press, 1995.
  • Dasgupta, Partha and Stiglitz Joseph E. "Learning by Doing, Market Structure, and Industrial and Trade Policies," Oxford Economic Papers 40(2), 1988, pp. 246-268.
  • De Gregorio, José and Jong-Wha Lee "Economic Growth in Latin America: Sources and Prospects," Documentos de Trabajo No. 66, Centro de Economía Aplicada, Universidad de Chile, 1999.
  • Dougherty, Chrys and Dale W. Jorgenson, "There is No Silver Bullet: Investment and Growth in the G7," National Institute Economic Review 162, October 1997 pp. 57-74.
  • Easterly, W. Islam, R, and J. E. Stiglitz "Shaken and Stirred: Explaining Growth Volatility," with William Easterly and Roumeen Islam, in Annual Bank Conference on Development Economics 2000, Washington: World Bank, 2001, pp. 191-212. Also in Advances in Macroeconomic Theory,
  • Jacques Drèze (ed.), IEA Conference Volume, 133, Houndsmill: Palgrave, 2001, pp. 352-372. (Originally given as the Michael Bruno Memorial Lecture, 12th World Congress of IEA, Buenos Aires, August 27, 1999.)
  • ECLAC (Economic Commission for Latin America and the Caribbean), Current conditions and outlook: Economic Survey of Latin America and the Caribbean 2001-2002, August 2002a.
  • ECLAC, Globalization and Development, April 2002b.
  • Fisher, Irving, "The Debt Deflation Theory of Great Depressions." Econometrica 1(4), October 1933, pp. 337-357
  • Ffrench-Davis, Ricardo, "Domestic Macropolicies and Financial Crisis: A View from Emerging Economies," forthcoming in R. Ffrench-Davis, D. Nayyar, and J. E. Stiglitz, (eds.), Stabilization Policies for Growth and Development, Initiative for Policy Dialogue Task Force on Macro-economic Stabilization, 2003a (forthcoming). (paper available at www.policydialogue.org)
  • Ffrench-Davis, Ricardo, "Macro-economic Balances In Latin America: The Conflict between Purely-Financial and Real-economy imbalances," forthcoming in R. Ffrench-Davis, D. Nayyar, and J. E. Stiglitz, (eds.), Stabilization Policies for Growth and Development, Initiative for Policy Dialogue Task Force on Macro-economic Stabilization, 2003b (forthcoming). (paper available at www.policydialogue.org)
  • Furman, Jason and Joseph E. Stiglitz, "Economic Crises: Evidence and Insights from East Asia," with Brookings Papers on Economic Activity 2, 1998a, pp. 1-114.
  • Furman, Jason and Joseph E. Stiglitz, "Economic Consequences of Income Inequality," in Symposium Proceedings Income Inequality: Issues and Policy Options, Jackson Hole, Wyoming: Federal Reserve Bank of Kansas City, 1998b, pp. 221-263.
  • Greenwald, B. and J. E. Stiglitz "Externalities in Economies with Imperfect Information and Incomplete Markets," Quarterly Journal of Economics, 101(2), May 1986, pp. 229-264.
  • Greenwald, Bruce C. and Stiglitz, Joseph E., "New and Old Keynesians," Journal of Economic Perspectives 7(1), Winter 1993, pp. 23-44.
  • Helmann, Thomas, Murdoch, K. and J. E. Stiglitz "Liberalization, Moral Hazard in Banking and Prudential Regulation: Are Capital Requirements Enough?" American Economic Review, 90(1), March 2000, pp. 147-165.
  • Honohan, P. and J. E. Stiglitz "Robust Financial Restraint," in G. Caprio, P. Honohan and J. Stiglitz (eds.), Financial Liberalization: How Far, How Fast? Cambridge, UK: Cambridge University Press, 2001, pp. 31-63.
  • Kane, Edward J., The S&L insurance mess: How did it happen? Washington DC: Urban Institute Press: 1989.
  • Murthi, M., J. M. Orszag and P. R. Orszag, "The Charge Ratio on Individual Accounts: Lessons from the U.K. Experience," Birbeck College Working Paper 99-2, University of London, March 1999.
  • Newbery, D. and J. E. Stiglitz, "Pareto Inferior Trade," Review of Economic Studies, 51(1), January 1984, pp. 1-12.
  • Ocampo, José Antonio, "Half a Lost Decade," ECLAC Notes No. 24, September 2002, pp. 2-3.
  • Orszag, Peter and Joseph E. Stiglitz, "Rethinking Pension Reform: Ten Myths about Social Security Systems", in New Ideas About Old Age Security, R. Holman and J. Stiglitz (eds.), Washington: World Bank, 2001, pp. 17-56.
  • Prasad, E.; Rogoff, K; Wei, Shang-Jin, and Kose, M. A., "Effects of Financial Globalization on Developing Countries: Some Empirical Evidence," IMF, March 17, 2003 (paper available at www.imf.org)
  • Rao, Vijayendra and Michael Walton, (eds.) Culture and Public Action: How Cultural Factors Affect an Unequal World, Stanford, CA: Stanford University Press, 2003 (forthcoming).
  • Rodrik, Dani, "Who needs Capital-Account Convertibility?" in Stanley Fischer et al. (eds.), Should the IMF Pursue Capital-Account Convertibility? Princeton Essays in International Finance No. 207, Princeton NJ: Princeton University International Finance Section, May 1998, pp. 55-65.
  • Rodrik, Dani and Francisco Rodríguez, "Trade Policy and Economic Growth: A Skeptic's Guide to the Cross-National Evidence," in Macroeconomics Annual 2000, Ben Bernanke and Kenneth S. Rogoff (eds.), Cambridge, MA: MIT Press for NBER, 2001, pp. 261-325.
  • Rodrik, Dani and Andres Velasco "Short-Term Capital Flows," NBER Working Paper No 7364, September 1999.
  • Sappington, David E.M. and Stiglitz, Joseph E. "Privatization, Information and Incentives." Journal of Policy Analysis and Management 6(4), 1987, pp. 567582.
  • Simon, Herbert A., "Organizations and Markets." Journal of Economic Perspectives 5(2), Spring 1991, pp. 25-44.
  • Shiller, Robert J., Irrational Exuberance, Princeton, NJ: Princeton University Press, April 2000.
  • Soros, George, George Soros on globalization, New York NY: Public Affairs, 2002.
  • Stiglitz, Joseph E., "Some Lessons from the East Asian Miracle," World Bank Research Observer, 11(2), August 1996, pp. 151-177. (Reprinted as "Algunas ensenanzas del milagro del Este Asiatico (with English summary)," Desarrollo Economico, 37(147), Oct.-Dec. 1997, pages 323-349.)
  • ___________, "Reflections on the Natural Rate Hypothesis," Journal of Economic Perspectives, 11(1), Winter 1997, pp. 3-10.
  • ___________, "Towards a New Paradigm for Development: Strategies, Policies and Processes," 9th Raul Prebisch Lecture delivered at the Palais des Nations, Geneva, October 19, 1998, UNCTAD. (See also Chapter 2 in The Rebel Within, Ha-Joon Chang (ed.), London: Wimbledon Publishing Company, 2001, pp. 57-93.)
  • ___________, "Reforming the Global Economic Architecture: Lessons from Recent Crises." The Journal of Finance 54 (4), August 1999a, pp. 1508-1521.
  • ___________, "Lessons from East Asia," Journal of Policy Modeling, 21(3), May 1999b, pp. 311-330.
  • ___________, "Must Financial Crises Be This Frequent and This Painful?" Policy Options (Canada), 20(5), June, 1999c, pp. 23-32
  • ___________, "Taxation, Public Policy and The Dynamics of Unemployment," International Tax and Public Finance, 1999d, 6, pp. 239-262. (Paper presented to the Institute of International Finance, Cordoba, Argentina, August 24, 1998.)
  • ___________, "Capital Market Liberalization, Economic Growth, and Instability," in World Development, 28(6), 2000a, pp. 1075-1086.
  • ___________, "Lessons from the Global Financial Crisis," in Global Financial Crises: Lessons from Recent Events, Joseph R. Bisignano, William C. Hunter, George G. Kaufman (eds.), Boston: Kluwer Academic Publishers, 2000b, pp. 89-109.
  • ___________, "Principles of Financial Regulation: A Dynamic Approach," The World Bank Observer, 16(1), Spring 2001a, pp. 1-18.
  • ___________, "Participation and Development: Perspectives from the Comprehensive Development Paradigm," in Democracy, Market Economics & Development: An Asian Perspective, Farrukh Iqbal and Jong-Il You (eds.), World Bank, 2001b, pp. 49-72. Also Chapter 7 in The Rebel Within, Ha-Joon Chang (ed.), London: Wimbledon Publishing Company, 2001, pp. 220-249.
  • ___________, "Capital Market Liberalization and Exchange Rate Regimes: Risk without Reward," The Annals of the American Academy of Political and Social Science, 579, January 2002a, pp. 219-248.
  • ___________, Globalization and Its Discontents, Washington, DC: W.W. Norton Company, 2002b. Also see Stiglitz, Joseph E., A Globalização e Seus Malefícios, São Paulo: FUTURA, 2002 and see Stiglitz, Joseph E., El Malestar en la Globalización, Buenos Aires, Mexico D.F., Bogotá: Taurus, 2002.
  • ___________, The Roaring 90s, New York: W.W. Norton 2003. Wolfensohn, James D. "The Other Crisis," Address to the Board of Governors, World Bank/IMF Annual Meetings, Washington, D.C., October 6 1998.
  • World Bank World Development Report 2000/2001: Attacking Poverty New York: Oxford University Press, 2000.

Tabella 1
Popolazione Vivendo sotto $1.08/giorno (parità del potere d'acquisto, 1993)

				1987	1990	1993	1996	1998

Africa subsahariana		46.6	47.7	49.7	48.5	46.3
Sud Asiatico			44.9	44.0	42.4	42.3	40.0
America Latina			15.3	16.8	15.3	15.6	15.6
Est Asiatico			26.6	27.6	25.2	14.9	15.3
Medio Oriente & Nord Africa	11.5	 9.3	 8.4	 7.8	 7.3
Europa Est & Asia Centrale	 0.2	 1.6	 4.0	 5.1	 5.1

Totale				28.7	29.3	28.5	24.9	24.3
Fonte : Banca Mondiale
Tabella 2
Distribuzione del Reddito nei paesi d'America Latina
Rapporto fra il Reddito
del 20% più ricco e il 20% più povero

		1990	1997	1999	Diagnostico

Argentina	13.5	16.4	16.5	Deterioro
Bolivia	        1\21.4	34.6	48.1	Deterioro
Brasile		35.0	2\8.0	35.6	Simile
Chile		18.4	3\18.9	4\19.0	Deterioro
Colombia	5\35.2	24.1	25.6	Miglioramento
Costa Rica	13.1	12.0	15.3	Deterioro
Ecuador		12.3	12.2	18.4	Deterioro
El Salvador	6\16.9	15.9	18.6	Deterioro
Honduras	30.7	23.7	26.5	Miglioramento
Messico		7\16.9	17.4	8\18.5	Deterioro
Nicaragua
Panama		9\24.3	23.8	21.6	Miglioramento
Paraguay
Peru
Trinidad Tobago
Uruguay		9.4	9.1	9.5	Deterioro
Venezuela	13.4	16.1	18.0	Deterioro

1\ 1989 ; 2\ 1996 ; 3\ 1996 ; 4\ 2000 ; 5\ 1994 ;
6\ 1995 ; 7\ 1989 ; 8\ 2000 ; 9\ 1991
Fonte : Panorama Sociale di Latino America
2001-2002, ECLAC.

Tabella 3
Crescita media anuale in Latino America

		1960-1970	1970-1980	1980-1990	1990-2001

PIL		5.32		5.86		1.18		3.05
PIL pro capite	2.54		3.36	       -0.80		1.39
Fonte : Indicatori dello Sviluppo Mondiale, Banca Mondiale

Tabella 4
Percentuale media anuale di convergenza America Latina/Stati Uniti

		1960-1970	1970-1980	1980-1990	1990-2001

PIL		1.42		2.58	       -1.93	       -0.46
PIL pro capite	0.01		1.19	       -2.95           -0.90
Fonte : Calcoli basati su dati dagli Indicatori dello Sviluppo Mondiale, Banca Mondiale


Tabella 5
Panel A : Visione del Periodo di Riforme come Opportunità dalla caduta
          delle Politiche Insostenibili

		Tassa media anuale di cresita
		GDP		GDP pro capite

PIL		5.59%		1.96%
PIL pro capite	2.15%		0.34%

Panel B : Visione della Decade Perda come parte della fallita strategia
          Importazioni/Sostituzione

		Tassa media anuale di crescita
		GDP		GDP pro capite

PIL		4.10%		1.69%
PIL pro capite	3.05%		1.39%
Fonte : Calcoli basati su dati dagli Indicatori dello Sviluppo Mondiale, Banca Mondiale

Tabella 6
Misura dell'instabilità

		1961-1980		1981-2000
		(Periodo pre-Riforme)	(Periodo Riforme)
Variabilità (Deviazione Standard della Rata di Crescita)
Stati Uniti	2.26			1.92
America Latina	1.80			2.36

Numero di anni di Crescita Negativa
Stati Uniti	3			2
America Latina	0			4

Numero di anni di Crescita sotti il 90% della media tra 1961-2000
Stati Uniti	8			3
America Latina	6			12
Fonte : Calcoli basati su dati dagli Indicatori dello Sviluppo Mondiale, Banca Mondiale

Tabella 7
Rata omicidi/100.000 abitanti

			Late 70s \1	Late 80s \1	Mid 90s \2

Argentina		 3.9		 4.8		 4.7
Bolivia			-		-		-
Brasile			11.5		19.7		23.0
Chile			 2.6		 3.0		 3.0
Colombia		20.5		89.5		61.6
Costa Rica		 5.7		 5.6		 5.4
Ecuador			 6.4		10.3		15.3
El Salvador		-	       138.2		55.6
Honduras		-		-		-
Messico			18.2		17.8		15.9
Nicaragua		-		18.3		 8.4
Panama			 2.1		10.9		10.9
Paraguay		 5.1		 4.0		12.3
Peru			 2.4		11.5		-
Trinidad Tobago		 2.1		12.6		12.1
Uruguay			 2.6		 4.4		 4.4
Venezuela		11.7		15.2		16.0

Fonti : \1 Organizzazione Panamericana della Salute, La Violenza nelle Americhe :
La Pandemia Sociale del Secolo XX, Serie di Pubblicazioni : Comunicazione per la Salute.
Washington D.C. No. 10, 1996
2\ Krug B.G. ET AL (EDS.) Rapporto Mondiale sulla Violenza e la Salute, Geneve,
Organizzazione Mondiale della Salute, 2002


Tabella 8
Indicatori sulla Salute : America Latina e Caraibi

					1970	1982	1993	1997	1998

Aspettativa di vita (anni)		 61	65	68	70	70
Mortalità infantile /1000 nascite	 84	41	38	32	31
Mortalità sotto i 5 anni / 1000		123	78	49	41	38
Fonte : database Direzione ed Analisi Informazione Statistica (SIMA) della Banca Mondiale