Un dovere morale MondoLatino Viaggi
Mondo Latino
Indice

Antonio Berni

NostalgieNacque in Rosario (Santa Fé) il 14 Marzo 1905. Dopo i suoi studi basici nella sua città natale, effettuò una precoce dimostrazione di paesaggi di classica fattura nel 1921, che gli valse una borsa di studio per perfezionarsi in Europa. Rimase a Parigi fino il 1931, aderendo fugacemente al surrealismo.

Al suo ritorno, la sua pittura cominciò a riflettere le sue inquietudini sociali e politiche. è l'epoca delle sue grandi tele, come Disoccupati o La manifestazione. Le sue necessità espressive lo portarono dopo ad abbordare il muralismo, integrando i gruppi che realizzarono le opere della villa Botana e delle gallerie Pacifico e, l'incisione.

La sua partecipazione a numerosi saloni nazionali e internazionali lo fecero creditore ai più importanti premi, tra cui il Gran Premio di Onore del Salone Nazionale (1943) ed i maggiori premi della Biennale di Venezia (1962), e quella di Lujbiana (1965), Cracovia (1966) e Berlino (1967).

La donna con lo scialle nero Agli inizi dei 60' la sua opera si orientò verso l'espressionismo e più tardi divenne una sintesi tra il Pop Art e il realismo sociale. L'aneddoto popolare in episodi si convertì in una delle caratteristiche della sua opera, che si iscrisse in una pittura di osservazione e di critica sociale i cui protagonisti principali erano Juanito Laguna (ragazzo di periferia di Buenos Aires) e Ramona Montiel (donna dei bassi fondi parigini).

In queste opere Berni utilizzò il collage, stracci, pezzi di latta, bottoni e in generale materiali di scarto, nonché fotografie e illustrazioni di riviste per comporre le figure e organizzare un quadro secondo un vero senso della composizione, nella quale ci sono anche parti dipinte, schizzi di figure o pennellate che accentuano gli effetti del collage. Sono opere di grande ricchezza plastica, notabile fantasia e indubbia originalità, dove si apprezza un ritorno ai suoi inizi surrealisti. Assieme a queste due serie ci sono quella di La luna, Los monstruos (I mostri) e una di ritratti popolari.

L'opera di Berni è stata esibita in quasi tutto il mondo, e negli ultimi anni fu oggetto di una considerabile rivalutazione in termini di mercato. Le più importanti collezioni possiedono pitture di questo artista, nonché tutti i musei argentini e numerosi all'estero. Berni morì a Buenos Aires il 13 Ottobre 1981.